Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Camera di negozio in casa di Pantalone, con tavolino, scritture, libri ecc.

 

Pantalone e Florindo

 

PANT. Caro sior Florindo, mi no so cossa dir. Me despiase de no poderve consolar. Se ve nego mia fia, no lo fazzo per poca stima della vostra persona, ma credème, lo fazzo anca per vostro ben. Rosaura no la xe putta da maridar. La xe troppo semplice. Nol xe negozio per vu.

FLOR. Ma io, signore, son contentissimo di pigliarla così. Ho piacere che sia di temperamento modesto e quieto.

PANT. No, caro fio, no la xe solamente modesta, ma la xe gnocchetta. Per una casa no la xe bona, ghe l'ho dito anca a mio compare che me l'ha domandada in nome vostro, e l'istesso ve digo a vu, che no contento della risposta del mediator, vegnì in persona a domandarmela la segonda volta.

FLOR. Sono venuto io in persona, per dirvi che la prenderò in ogni forma.

PANT. Vu, compatime, gh'avè poco cervello; fio mio, a dir de sì se fa presto, e po se se pente, co no ghe xe più remedio. Se avessi da far con un pare de bon stomego, el ve la petterave senza difficoltà: ma mi son galantomo, son un omo de onor, e non intendo de precipitar una casa.

FLOR. Ma, signore, mia moglie non averà da far niente in casa. Vi sono le serve, che fanno tutto.

PANT. Eh putto caro, co la parona no gh'ha giudizio, le serve no gh'ha cuor de tegnir una casa in piè. L'economia, la bona regola xe quella che mantien le fameggie. E po, caro fio, i fioi che nasse, co i nasse da una mare allocchetta, se va a rischio che i butta sempiotti. Bisogna pensar a tutto.

FLOR. Dunque la signora Rosaura non la volete maritare?

PANT. Sior no, no la vôi maridar. La vol andarse a retirar colle so àmie; la gh'ha sta inclinazion, e mi lasso che la ghe vaga, e no ghe vôi più pensar.

FLOR. Basta; volendola maritare, spero che non farete a me questo torto.

PANT. Co l'avesse da maridar, la daria più tosto a vu che a un altro.

FLOR. Non so che dire. Vi vuol pazienza.

PANT. Aveu paura che ve manca putte? Ghe ne troverè de quelle poche.

FLOR. Ma questa mi dava tanto nel genio! Mi piace tanto la sua modestia, la sua bontà!

PANT. Xe vero, la xe bona, la xe modesta, ma no la xe da marìo.

FLOR. Eccola che viene qui. Mi permette che io resti per un momento?

PANT. Restè pur; ghe son mi; no ghe xe gnente de mal.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License