Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Pantalone e Rosaura

 

PANT. E cussì, fia mia, cossa me voleu dir?

ROS. Non me ne ricordo più.

PANT. Oh bella! Gh'avè sta bona memoria.

ROS. Ah sì, ora me ne ricordo. Ho fame.

PANT. Xelo questo quel che m'avè da dir?

ROS. Questo, questo.

PANT. E no se podeva dirlo in presenza de quel sior?

ROS. Mi vergogno.

PANT. Va , va , marzocca, va da to àmie, che ti starà ben.

ROS. Oh, un'altra cosa, signor padre, ma in verità questa preme assai.

PANT. Cossa xela?

ROS. Ho bisogno di quattro baiocchi per giocare all'oca.

PANT. (Da una banda la me fa rider). (da sé) Tolè, ve ne dago diese.

ROS. Oh belli, oh cari! Li voglio mettere nella mia borsetta. Questa bambola m'intrica, e non la vorrei guastare. Sta , carina, e aspettami, che or ora ti vengo a pigliare, sai? Cara, com'è bellina! (la mette sul tavolino)

PANT. (Vardè se la par mai una putta de disdott'anni! Gnanca una fantolina da latte. E quel putto el la voleva per muggier: el stava fresco). (da sé)

ROS. Li voglio mettere nella mia borsetta. Uno... e due tre, e due sei... (conta i baiocchi, mettendoli nella borsa)

PANT. No, e do cinque.

ROS. Cinque e due sei...

PANT. No, e do sette...

ROS. Sette, otto, nove; oh, non ce ne sono altri.

PANT. Ti ha fallà, cara ti, i xe diese: el sette ti l'ha messo do volte.

ROS. Il sette due volte? Di questi qual è il sette? (li tira fuori e li mostra)

PANT. Oh che sempia! Va via, va via, che vien zente.

ROS. Signor padre, ve l'ho detto?

PANT. Cossa?

ROS. Che ho fame?

PANT. Sì, ti me l'ha dito. Va dalla donna, fatte dar da marenda.

ROS. E dei quattro baiocchi ve l'ho detto?

PANT. No te n'oggio diese?

ROS. Ah sì, dieci son più di quattro?

PANT. Me par de sì.

ROS. Eh, lo so io. So contar fino al venti.

PANT. Va via te digo, che vien zente.

ROS. Oggi mi condurrete dalla signora zia?

PANT. Sì, te menerò.

ROS. Giocheremo all'oca.

PANT. Vastu via? (con voce )

ROS. Oimè. (trema)

PANT. Mo via, destrighete.

ROS. Vado, vado. Uno, due, e due cinque... (parte contando i baiocchi)

PANT. Mi no so cossa dir; per mi, aver una fia cussì gnocca la xe una disgrazia, ma per ella la xe felice, perché no conossendo quel che conosse i altri, la xe esente da quelle passion, che per el più ne fa pianzer e suspirar.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License