Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Ottavio e detto.

 

OTT. Servitore umilissimo, signor Pantalone.

PANT. Oh, gh'ho caro che siè vegnù, avanti che vaga fora de casa. Me preme de far sto conto. El xe un poco difficile, e no me fido de mi medesimo. Lo farò mi; felo anca vu, e l'incontreremo.

OTT. Sì signore. (lo prende franco, senza guardarlo)

PANT. (Cussì vederò cossa che el sa far). (da sé)

OTT. (Lo capisco. Mi vuol dar la prova come si fa coi ragazzi). (da sé)

PANT. Vardèlo quel conto, e diseme se ve compromettè de farlo come el va fatto.

OTT. Eh, caro signor Pantalone, crede che io non sappia far conti? So sommare, sottrarre, partire, moltiplicare, col sette, col nove, coi rotti; eh via, si lasci servire. (va al tavolino)

PANT. Non occorr'altro. Fe pulito, e debotto torno. (El xe un francon, el doveria saver far). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License