Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO PRIMO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Pantalone e Rosaura

 

PANT. Stè a véder, che costù el va a farse far el conto. Basta, avanti de torlo, ghe penserò. El gh'ha delle chiaccole assae, ma bisogna véder se i fatti corrisponde. E cussì, siora, cossa ve disevelo el sior Ottavio?

ROS. Chi è il signore Ottavio?

PANT. Quello col qual avè parlà fin adesso.

ROS. Oh, mi ha dette tante belle cose.

PANT. Circa mo?

ROS. Dalla signora zia non ci vado più.

PANT. No? Per cossa?

ROS. Perché la signora zia non mi vorrà trovare lo sposo, e lui me lo troverà.

PANT. Sposo? Cossa xe sto sposo?

ROS. Ah, non lo sapete che cosa sia lo sposo? Ve lo dirò io, signore.

PANT. (Oh poveretto mi! Cossa alo fatto costù con sta povera putta?) (da sé)

ROS. Lo sposo è quello che mena agli spassi, ai festini...

PANT. Via, via, siora, no savè cossa che ve disè. Sior Ottavio ha dito cussì per rider, el v'ha burlà, perché una sempia. Parecchieve subito, e andemo da vostra àmia.

ROS. Oh, non vi vado certo.

PANT. No? Mo perché?

ROS. Perché voglio lo sposo.

PANT. Senti, sa, se ti dirà più ste parole, te darò una man in tel muso.

ROS. (Getta via la bambola con rabbia)

PANT. Cussì ti fa? Xelo questo el respetto che ti gh'ha per to pare? Xeli questi i boni documenti, che t'ha la to povera mare? No ti gh'ha paura che el cielo te castiga? Ah desgraziada! El to povero pare ti lo tratti cussì.

ROS. (Piange forte)

PANT. Tiò su quella piavola.

ROS. (La prende)

PANT. Bàseme la man.

ROS. (Obbedisce)

PANT. Andè in te la vostra camera.

ROS. (Senza dir nulla cogli occhi bassi parte)

PANT. Come! Sior Ottavio sta sorte de descorsi el fa con mia fia? Èlo fursi vegnù per sedurla, per sassinarla? Coss'è sta cossa? El gh'ha bisogno de impiego, e el primo zorno che el vien in casa mia, el fa le carte colla mia putta? Questa, oltre una malizia barona, la xe mo anca una imprudenza massizza. L'ho scoverto a tempo. Nol fa per mi. Povero desgrazià! Nol farà mai ben a sto mondo. No val virtù, no val spirito, no val talento per aver fortuna; ma ghe vol bontà de cuor, onoratezza de man, e prudenza de lengua.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License