Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Ottavio e Beatrice

 

BEAT. Voi avete detto a Corallina, ch'io sono una pazza.

OTT. Io ho detto questo?

BEAT. Sì, certamente, ed ella è pronta a sostenerlo anche in faccia vostra.

OTT. Signora Beatrice, vi giuro sull'onor mio, non me ne ricordo.

BEAT. Voi parlate senza pensare.

OTT. Io non credo d'averlo detto.

BEAT. L'avete detto. (alterata)

OTT. Non l'avrò detto con animo d'oltraggiarvi.

BEAT. Così non si parla di chi si ama.

OTT. Ditemi, signora Beatrice, in via d'onore, avete mai detto voi, fra voi stessa almeno, ch'io sono un pazzo?

BEAT. Se l'ho detto fra me medesima, non lo ha sentito nessuno.

OTT. Dunque il male non è, ch'io l'abbia detto, ma che voi lo abbiate saputo. Corallina ha la colpa.

BEAT. Signor Ottavio, voi vi prendete spasso di me.

OTT. Sentite, vi amo tanto, conosco tanto i benefizi che voi mi fate, che se dovessi diventare un principe senza di voi, giuro a tutti i numi del cielo, rinunzierei qualunque fortuna; e se quel che io vi dico, non lo dico di cuore, prego il cielo che mi fulmini, che mi incenerisca, e non mi lasci mai aver bene.

BEAT. (Povero Ottavio, è di buon cuore). (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License