Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO SECONDO

SCENA SEDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SEDICESIMA

 

Camera in casa di Pantalone.

 

Pantalone e Rosaura

 

PANT. Cara siora, vegnì qua che nissun ne senta. Cossa me andeu disendo?

ROS. Dico così che vorrei fare anch'io quello che hanno fatto la signora Flamminia, la signora Luisa e la signora Costanza.

PANT. Vorressi donca maridarve anca vu, come le ha fatto elle?

ROS. Maritarmi? Non dico questo io.

PANT. Mo donca cossa?

ROS. Vorrei avere uno sposo.

PANT. Mo sposo e marìo no xelo l'istessa cossa?

ROS. Sarà, io non me n'intendo.

PANT. E cossa vorressi far del sposo? Cossa vorressi far del marìo?

ROS. Oh bella! Quello che fanno la signora Flamminia, la signora Luisa e la signora Costanza.

PANT. Cara fia, avè pur sempre dito, che volè andar co le vostre àmie; perché mo ve voleu muar de opinion?

ROS. Il signor Ottavio mi ha detto...

PANT. Sappiè, che tutto quel che v'ha dito sior Ottavio, le xe tutte busie.

ROS. Non è vero che lo sposo sia una bella cosa?

PANT. No, fia mia, no xe vero.

ROS. Datemene uno, e se non è vero, anderò dalla signora zia.

PANT. (Ah poveretto mi! In che intrigo che m'ha messo quel desgrazià). (da sé)

ROS. Uno solo.

PANT. Mo no ti sa, che quando s'ha tolto un sposo, un marìo, nol se lassa più fina alla morte?

ROS. Bene, dopo che sarà morto, anderò dalle signore zie.

PANT. Ti pol morir ti avanti de élo.

ROS. Allora quello che averei da far io, lo farà lui.

PANT. Mo va , che ti xe una gran sempia!

ROS. Oh già, sempre mi dice così.

PANT. Chi vusto che te toga, chi vusto che te voggia?

ROS. Cosa m'importa a me, se nessuno mi vuole?

PANT. Se nissun te vol, no ti pol sperar de sposarte.

ROS. Lo sposo lo voglio io.

PANT. Ben, ma se élo... Son più matto mi a badarte.

ROS. Se viene il signore Ottavio, vi farò dire quel che mi ha detto a me. Ha parlato così bene, che in verità neanche la fattora parla come ha parlato lui.

PANT. (Se el vien sto furbazzo, lo voggio consolar). (da sé)

ROS. E poi... sì, ora me ne . Mi ha detto dei teatri, dei festini. Oh, le signore zie non mi cuccano.

PANT. (Alo mo fatto una bella cossa?) (da sé) Mi no so cossa dir. Co to àmie mi non ho dito de volerte metter per forza; se ti ghe vol andar, vaghe, se ti vol star in casa, staghe, e se ti te vol maridar, co capiterà l'occasion, te contenterò.

ROS. Oh non mi basta, signor padre.

PANT. Cossa vorressistu de più?

ROS. Lo sposo lo voglio presto.

PANT. E cossa vustu che mi te fazza?

ROS. Trovatene uno.

PANT. Dove vusto che el trova?

ROS. Compratelo.

PANT. Via, gnocca, i marii se compra?

ROS. Io non so come si faccia. Verrà il signor Ottavio.

PANT. E se vegnirà el sior Ottavio, l'anderà via per l'istessa strada che el vien; e vu, siora, coi omeni no ve n'avè da impazzar. Perché no ve divertìu colla piavola?

ROS. La bambola non parla, non si muove. È meglio uno sposo. Me l'ha detto anche il signor Ottavio.

PANT. Maledetto sia el sior Ottavio.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License