Carlo Goldoni
Il contrattempo

ATTO SECONDO

SCENA DICIASSETTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIASSETTESIMA

 

Florindo di dentro e detti.

 

FLOR. O di casa. Vi è nessuno? (di dentro)

PANT. Vien zente. Presto, andè via de qua. (a Rosaura)

ROS. Oh, questo lo conosco.

PANT. Come lo cognosseu?

ROS. Ogni volta che mi vede, mi saluta.

FLOR. Si può venire? (di dentro)

PANT. Adess'adesso. (a Florindo) Animo; andè via, ve digo. (a Rosaura)

ROS. E una volta mi voleva dare...

PANT. Cossa ve volevelo dar?

ROS. Non andate in collera.

PANT. Via, disè suso.

ROS. Mi voleva dare...

PANT. Cossa?

ROS. Un bamboccio.

PANT. Via, via presto.

ROS. Ma io, se vorrò dei bambocci, farò come hanno fatto la signora Flamminia, la signora Luisa e la signora Costanza. (parte)

PANT. Oh che pampalughetta: ma per altro...

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License