Carlo Goldoni
La conversazione

ATTO PRIMO

SCENA TERZA   Madama Lindora, Donna Berenice, Don Filiberto, Lucrezia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Madama Lindora, Donna Berenice, Don Filiberto, Lucrezia

 

MAD.

Par che il signor Sandrino,

Salvo sempre il decoro,

Si potrebbe chiamar l'Asino d'oro.

LUC.

Madama, a quel ch'io sento

Voi non la risparmiate a chi che sia:

Ditemi il mio difetto in faccia mia.

MAD.

Oh, cara Lucrezina,

Voi siete una cosina assai compita,

Siete bella e polita,

Avete dello spirito non poco.

Degli scherzi conosco il tempo e il loco.

LUC.

Basta, ve l'avvertisco:

A sentirmi a burlare io ci patisco.

Della vostra amistà voglio fidarmi.

Serva, signori miei; vado a scaldarmi. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License