Carlo Goldoni
La conversazione

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Don Filiberto, poi Donna Berenice

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Don Filiberto, poi Donna Berenice

 

FIL.

E pur non so partire.

Di gelosia il martire

Sento nell'alma mia...

Ho risolto così; voglio andar via.

BER.

Dove don Filiberto?

FIL.

Perdonate.

Ho un affar di premura.

BER.

Ah no, restate.

Lo so che di mia zia

Lo scherzo vi dispiace.

Ma io colpa non ho, datevi pace.

FIL.

Sandrino in mia presenza

Fa con voi lo sguaiato.

BER.

Ei non può dire

Che da me lusingata

Sia la di lui pazzia.

FIL.

Non dovevate

Sedere a lui vicino. Ah, lo sapete:

Per eccesso d'amor geloso io sono.

BER.

Via, non lo farò più; chiedo perdono.

FIL.

(Resistere non so). (da sé)

BER.

Mi perdonate?

FIL.

Vi perdono, mio ben.

BER.

Dunque restate.

FIL.

Via, resterò, per compiacervi, ancora.

Troppo questo mio cuor v'ama e v'adora.

 

Lo so che il sospetto

Fa torto al mio bene,

Ma soffro nel petto

Gli affanni e le pene

Di un timido amor.

Conosco l'error,

Confesso l'inganno;

Me stesso condanno,

Ma palpito ancor. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License