Carlo Goldoni
Un curioso accidente

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Marianna e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Marianna e detto.

 

MARIAN. Signore, non è più qui la padrona?

FIL. No; è partita poc'anzi.

MARIAN. Con sua licenza. (in atto di partire)

FIL. Dove andatetosto?

MARIAN. A rintracciar la padrona.

FIL. Avete qualche cosa di premuroso da dirle?

MARIAN. Ci è una signora che la domanda.

FIL. E chi è?

MARIAN. Madamigella Costanza.

FIL. Oh! è qui madamigella Costanza?

MARIAN. Sì, signore, e giudico, venendo ella a quest'ora insolita, che qualche cosa di estraordinario la mova.

FIL. Eh! lo so io l'estraordinario movente. (ridendo) Dite a madamigella Costanza che, prima di passare da mia figlia, favorisca, se si contenta, di venir qui.

MARIAN. Sarà servita.

FIL. Ehi! l'uffiziale è in casa?

MARIAN. Non signore, è sortito.

FIL. Subito che egli viene mandatelo qui da me.

MARIAN. Sì, signore. Crede ella che parta oggi il tenente?

FIL. Sono persuaso che no.

MARIAN. In fatti ha sì poca salute, che si precipita se si mette in viaggio.

FIL. Resterà. Guarirà.

MARIAN. Per quanto gli s'abbia detto, vuole andare a sagrificarsi.

FIL. Non anderà. Resterà; resterà, e guarirà.

MARIAN. Caro signor padrone, voi solo gli potreste dare la sua salute.

FIL. Io eh? La sapete voi pure la malattia del tenente?

MARIAN. Io la so; e voi, signor, la sapete?

FIL. So tutto.

MARIAN. Chi ve l'ha detto?

FIL. Mia figlia.

MARIAN. Davvero? (maravigliandosi)

FIL. Che maraviglia vi fate? La figlia non ha da partecipare la verità a suo padre?

MARIAN. Anzi ha fatto benissimo.

FIL. Così si può rimediare.

MARIAN. Finalmente è un amore onesto.

FIL. Onestissimo.

MARIAN. Il tenente è una persona civile.

FIL. Civilissima.

MARIAN. Non c'è altro male, che non è ricco.

FIL. Una buona dote può migliorare la sua condizione.

MARIAN. Quando il padre è contento, non c'è più che dire.

FIL. Un padre, che non ha altri al mondo che questa sola fanciulla, trovando da collocarla decentemente non può negare di soddisfarla.

MARIAN. Che siate benedetto! Queste sono massime veramente da quel grand'uomo che siete. Sono consolatissima per parte del giovane e della fanciulla. (Ma molto più per me stessa, se meco resta il mio adorato Guascogna). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License