Carlo Goldoni
Un curioso accidente

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA   Monsieur Fillberto, poi Madamigella Giannina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Monsieur Fillberto, poi Madamigella Giannina.

 

FIL. Valeranno più due parole del tenente, che diecimila delle mie ragioni.

GIANN. Signore, è egli vero quel che mi ha detto monsieur de la Cotterie?

FIL. E che cosa vi ha detto?

GIANN. L'avete voi consigliato a sposar la figlia senza del padre?

FIL. Vi ha fatto egli la confidenza?

GIANN. Sì, signore.

FIL. (Quest'imprudenza mi spiace).

GIANN. E gli avete dato cinquecento ghinee, perché lo mandi ad effetto?

FIL. (Incauto! Mi pento quasi d'averlo fatto).

GIANN. Chi tace, conferma; è la verità dunque.

FIL. Che vorreste dire per ciò?

GIANN. Niente, signore; mi basta di aver saputo che ciò sia vero. Serva umilissima del signor padre.

FIL. Dove andate?

GIANN. A consolarmi.

FIL. Di che?

GIANN. Delle nozze di monsieur de la Cotterie.

FIL. Non saranno ancora eseguite.

GIANN. Si spera che succederanno fra poco.

FIL. Avvertite di non parlar di ciò con nessuno.

GIANN. Non vi è pericolo. Si sapranno quando saranno fatte. E voi avrete il merito di averle ordinate, ed io sarò contentissima che siano fatte. (parte)

FIL. Non vorrei che si formalizzasse del mal esempio. Ma non vi è dubbio. È una buona fanciulla; sa distinguere, quanto me, i casi e le convenienze. E poi so come l'ho educata, e sotto la mia vigilanza non vi è pericolo che mi accadano di tai disastri. (parte)


 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License