Carlo Goldoni
Un curioso accidente

ATTO TERZO

SCENA PRIMA   Monsieur Filiberto e Marianna

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO TERZO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Monsieur Filiberto e Marianna.

 

MARIAN. Signor padrone, scusate s'io torno ad importunarvi.

FIL. Verrai a dirmi qualche nuova bestialità?

MARIAN. Io spererei che non aveste più a dirmi sciocca.

FIL. Basta che non ritorni a dire delle sciocchezze.

MARIAN. Io altro non dirò, se non che sono al caso di maritarmi, e mi raccomando alla grazia vostra.

FIL. Hai risoluto di farlo prima della padrona?

MARIAN. No, signore. S'ella lo fa oggi, io lo farò domani.

FIL. E non vuoi ch'io ti dica sciocca?

MARIAN. Ancora me lo volete tener nascosto?

FIL. Che cosa?

MARIAN. Il maritaggio della mia padrona.

FIL. Sciocchissima.

MARIAN. Orsù, per farvi vedere che non sono sciocca, m'accuserò d'una mancanza commessa per curiosità. Sono stata dietro la portiera a udir parlare monsieur de la Cotterie colla mia padrona, ed ho sentito che si è stabilito di far le nozze segretissime, e che voi avete sborsato cinquecento ghinee a conto di dote.

FIL. A conto di dote? (ridendo)

MARIAN. Io credo a conto di dote. Le ghinee le ho vedute con questi occhi.

FIL. Sì, sciocca, e poi sciocca, e tre volte sciocca.

MARIAN. (Mi fa un veleno, che lo ammazzerei colle mie proprie mani).

FIL. (Il tenente per altro si è condotto assai male. Non doveva parlare di ciò con mia figlia, e molto meno col pericolo d'esser sentito).

MARIAN. Se volete celarmi il fatto, temendo che da me si sappia, fate torto alla mia onestà.

FIL. Bell'onestà! andar di soppiatto ad ascoltar gli altrui fatti! e poi intender male, e poi dire delle sciocchezze!

MARIAN. È vero, non doveva ascoltare; ma circa all'intendere, io so che ho inteso la verità.

FIL. Tu vuoi trarmi di bocca, o di mano, qualche cosa che ti dispiaccia.

MARIAN. Oh cospettonaccio! dove è andata poco fa la padrona?

FIL. Dove è andata?

MARIAN. Non è andata con monsieur de la Cotterie?

FIL. Dove?

MARIAN. Intesi dire, che andavano da madama Geltruda.

FIL. Da mia sorella?

MARIAN. Per l'appunto.

FIL. Ci sarà andata Giannina, non il tenente.

MARIAN. Io so che sono sortiti insieme.

FIL. Il tenente l'avrà accompagnata. Mia sorella sta poco lungi dal luogo dove egli andare. Mia figlia avrà piacer di essere più vicina, per saper le nuove. So tutto, va tutto bene, e tu sei una sciocca.

MARIAN. (Sento proprio che la bile mi affoga).

FIL. Guarda chi c'è in sala. Ho sentito gente.

MARIAN. (Oh, la sarebbe bella che il vecchio rimanesse gabbato! Ma mi pare ancora impossibile). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License