Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO PRIMO

Scena Quarta. Donna Eleonora, poi Colombina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quarta. Donna Eleonora, poi Colombina

 

Donna Eleonora - Oh cielo! Quando mai terminerò di penare? Non vedo l'ora di andare al possesso di qualche cosa, per poter sovvenire alle mie miserie e per soccorrere in qualche parte il povero mio marito, che si trova in angustie niente meno di me.

Colombina - Orsù, signora padrona, eccomi qui. Datemi uno scudo, ch'io vado subito, subito, a provvedere il desinare.

Donna Eleonora - (Oh sì, che vogliamo star bene). (da sé)

Colombina - Dove sono i denari? Dove li avete messi?

Donna Eleonora - Li ho dati al signor Dottore per la spedizione della causa.

Colombina - Tutti?

Donna Eleonora - Tutti: mi ha fatto il conto, e senza venti scudi non si può avere la sentenza.

Colombina - Che ti venga la rabbia, Dottor del diavolo! Portarli via tutti? Lasciarmi senza desinare? Non me ne scorderò mai più. (è picchiato)

Donna Eleonora - Picchiano.

Colombina - Fosse almeno quel cane del Dottore; vorrei certo certo, che li mettesse giù.

Donna Eleonora - Ma se fa per noi.

Colombina - Non gli credo una maledetta. (parte)

Donna Eleonora - Costei sempre pensa al male, ed io penso al bene. Ah, voglia il cielo ch'ella non l'indovini più di me.

Colombina - Signora, signora. Ecco qui il signor don Rodrigo.

Donna Eleonora - (s'alza) Presto, ritira quel tavolino, avanza quella sedia, porta via il telaio; sbrigati e fa che passi.

Colombina - (Capperi! si è messa in ardenza, quando ha sentito nominare don Rodrigo). (da sé)

Donna Eleonora - Fa presto, non lo fare aspettare.

Colombina - Vado subito. Signora, ricordatevi che non vi è da desinare.

Donna Eleonora - E per questo, che vuoi tu dire?

Colombina - Se don Rodrigo si movesse a pietà, non istate a fare la schizzinosa. (parte)

Donna Eleonora - Don Rodrigo è un cavaliere generoso, ma io sono una dama d'onore: gradisco sommamente la sua amicizia, ed ho per lui una stima che non è indifferente; ma sopra tutto mi sta a cuore il mio decoro e la mia estimazione.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License