Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO PRIMO

Scena Settima. Donna Claudia e Balestra

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Donna Claudia e Balestra

 

Camera in casa di donna Claudia.

 

DONNA CLAUDIA e BALESTRA

 

Donna Claudia - Balestra.

Balestra - Illustrissima. (viene)

Donna Claudia - Porta innanzi quel tavolino.

Balestra - Illustrissima sì. (lo tira innanzi) Comanda altro?

Donna Claudia - No. (Balestra parte) Tardano molto le visite stamattina. Balestra.

Balestra - Illustrissima. (viene)

Donna Claudia - Hai veduto don Alonso?

Balestra - Illustrissima no.

Donna Claudia - Non occorr'altro. (Balestra parte) Questo mio signor cavaliere ha poca attenzione per me. Parmi che egli si vada raffreddando un poco. Non viene più a bere la cioccolata la mattina per tempo. Balestra.

Balestra - Illustrissima. (viene)

Donna Claudia - Dammi una sedia.

Balestra - La servo. (le porta la sedia, e resta in camera)

Donna Claudia - (siede) Mio marito non averà mancato a quest'ora di andare a riverire la sua dama. Che fai tu qui, ritto, ritto, come un palo? (osservando Balestra)

Balestra - Stavo attendendo se comandava altro.

Donna Claudia - Quando ti vorrò, ti chiamerò.

Balestra - Benissimo. (fra i denti, e parte)

Donna Claudia - Questo star sola mi viene a noia. Balestra.

Balestra - (viene senza parlare)

Donna Claudia - Balestra. (non vedendolo)

Balestra - Son qua, illustrissima.

Donna Claudia - Pezzo d'asino! Non rispondi?

Balestra - Credevo che mi avesse veduto. (Che tu sia maledetta nel tuppè!). (da sé)

Donna Claudia - A che ora è partito mio marito?

Balestra - A tredici ore. (vuol partire)

Donna Claudia - Fermati. Ha detto nulla?

Balestra - Nulla.

Donna Claudia - Via, vattene, non voglio altro. (con rabbia)

Balestra - Vado, vado. (parte)

Donna Claudia - Se non viene nessuno, anderò io a ritrovare donna Virginia. Balestra.

Balestra - Illustrissima. (viene)

Donna Claudia - Di' al cocchiere che attacchi.

Balestra - Illustrissima sì. (parte)

Donna Claudia - Ma anderò in carrozza senza un cavaliere che mi accompagni? Non è dovere. Balestra.

Balestra - Illustrissima. (viene)

Donna Claudia - Non occorre altro.

Balestra - Non vuole altro?

Donna Claudia - No.

Balestra - Non vuole la carrozza?

Donna Claudia - No, ti dico, in tua malora.

Balestra - (Oh che bestia, oh che bestia!). (parte)

Donna Claudia - Ma questo don Alonso è troppo incivile. Se mi tenta, mi faccio servire dal conte Asdrubale.

Balestra - Illustriss... (viene)

Donna Claudia - Il malanno che ti colga; non ti ho chiamato.

Balestra - Una imbasciata.

Donna Claudia - Di chi?

Balestra - Don Alonso vorrebbe riverirla.

Donna Claudia - Asinaccio! Il cavalier servente non ha portiera. Passi.

Balestra - Perdoni; sono ancora novizio. (Un'altra volta lo lascio venire, se la fosse anco al licet). (parte)

Donna Claudia - Vorrei rimproverarlo, ma non vuò disgustarlo. È troppo buon cavaliere. Soffre tutto e si contenta di poco.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License