Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO PRIMO

Scena Ottava. Don Alonso e detta, poi Balestra

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Ottava. Don Alonso e detta, poi Balestra

 

Don Alonso - Ben levata, donna Claudia, mia signora.

Donna Claudia - Caro don Alonso, compatite l'ignoranza del nuovo mio servitore. Non è stata mia intenzione che facciate anticamera.

Don Alonso - So la vostra bontà, né io sto su queste piccole cose.

Donna Claudia - Oh, io sono poi esattissima. Ma don Alonso mio, vi vorrei un poco più diligente.

Don Alonso - Signora, un affare di premura questa mattina mi ha trattenuto.

Donna Claudia - Eh, non vorrei... Basta, basta, se me n'accorgo, povero voi.

Balestra - Illustriss... (viene)

Donna Claudia - Che vuoi tu qui? (arrabbiata)

Balestra - Un'altra imbasc...

Donna Claudia - Va via, serra quella portiera.

Balestra - Ma senta...

Donna Claudia - Va via. Quando un cavaliere è nella mia camera, non hai da entrare senza mia permissione.

Balestra - Non occorre altro. (Maledettissima!). (parte)

Donna Claudia - Credetemi, don Alonso, che con questi servitori ignoranti io impazzisco.

Don Alonso - Ma egli, compatitemi, aveva un'imbasciata da farvi.

Donna Claudia - Un'imbasciata?

Don Alonso - Certamente. Ha principiata la parola e non l'ha finita.

Donna Claudia - Ha un'imbasciata da farmi, e non me la fa? Gran bestia! Balestra.

Balestra - Illustrissima. (di dentro)

Donna Claudia - Non vieni?

Balestra - Posso o non posso? (di dentro)

Donna Claudia - Vieni, animalaccio, vieni.

Balestra - Eccomi. (viene)

Donna Claudia - Tu hai un'imbasciata da farmi, e non me la fai?

Balestra - Ma se non mi lasc...

Donna Claudia - Presto, dico, fammi l'imbasciata.

Balestra - La signora donna Virginia vorrebbe riverirla.

Donna Claudia - Donna Virginia? È in carrozza?

Balestra - È smontata.

Donna Claudia - È scesa e tu la fai aspettare? Villano! Presto, va , fa che passi.

Balestra - Se io sto più in questa casa, che il diavolo mi porti! (vuol partire)

Donna Claudia - Balestra, Balestra.

Balestra - Signora, signora.

Donna Claudia - Tira innanzi un'altra sedia. (Balestra la tira, e poi vuol partire) Balestra, un'altra. (Balestra tira, e poi vuol partire) Balestra, quella non istà bene, un poco più in qua. Presto, via, corri, va dalla dama.

Balestra - Un servitor solo non può far tutto.

Donna Claudia - Taci , temerario.

Balestra - (Strega del diavolo!). (da sé, parte)

Donna Claudia - Oh, questi servitori sono indegnissimi.

Don Alonso - Bisogna trattarli con un poco più di dolcezza.

Claudia - Bravo, signor sì, tenete la parte dei servitori. Che caro signorino! Obbligata, obbligata.

Don Alonso - Compatitemi, io non ci devo entrare.

Donna Claudia - Anzi ci dovete entrare, e tocca a voi a farmi portar rispetto e a farmi obbedire.

Don Alonso - Questo appartiene a vostro marito.

Donna Claudia - Mio marito non abbada a queste cose. Egli si prenderà tal pena in qualche altro luogo, e a voi tocca a tener in dovere la mia servitù.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License