Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO PRIMO

Scena Decima. Don Flaminio e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Decima. Don Flaminio e detti

 

Don Flaminio - Che è questo strepito? Perché questi clamori?

Donna Virginia - Vostra moglie ha mortificato il povero don Alonso.

Don Flaminio - Mia moglie è bizzarra davvero. Non la conoscete ancora? Oh, la conoscerete, e allora compatirete me, se do in qualche impazienza.

Don Alonso - Amico, io non ho mancato a veruno de' miei doveri.

Don Flaminio - Ma perché siete andati in collera?

Donna Virginia - Lo dirò io. Don Alonso si è posto a difendere donna Eleonora. Vuol negare che don Rodrigo sia il di lei servente, o per dir meglio, il di lei benefattore. Noi che sappiamo la cosa com'è, diciamo diversamente, ed egli si ostina e ci gentilmente delle mentite.

Don Flaminio - Oh, don Alonso, compatitemi, l'intendete male. In faccia delle donne, mai per vostra regola non si dice bene di un'altra donna. E poi, non sapete voi che il contradire ad una donna è lo stesso che voler navigare contr'acqua e contro vento?

Don Alonso - Lo so benissimo, ma credetemi, io non posso sentire a pregiudicare la riputazione d'una dama onorata.

Don Flaminio - E che? Pregiudicano forse la sua riputazione a dire che don Rodrigo la serve? Io servo donna Virginia, voi favorite mia moglie, e per questo che male c'è?

Don Alonso - Tutto va bene, ma dicono che don Rodrigo le da vivere, le paga la cameriera, la pigion di casa e cose simili.

Don Flaminio - Caro amico, e chi gliel'ha da pagare? Siete pur buono ancor voi. I beni di suo marito sono tutti confiscati; ella non ha un soldo di dote. Parliamoci chiaro, d'aria non si vive.

Don Alonso - Ma ella ha venduto, vende e lavora...

Donna Claudia - Sentite com'è esattamente informato?

Donna Virginia - Donna Claudia, volete che questa sera andiamo a fare una visita a donna Eleonora?

Donna Claudia - Visite a donna Eleonora? Quella pezzente non è degna delle mie visite.

Donna Virginia - Vedremo un poco come si contiene questa gran dama nello stato miserabile in cui si trova.

Donna Claudia - La vedrete al solito delle sue pari, povera e superba.

Donna Virginia - Chi sa che non scopriamo qualche cosa di più? Io ho in testa ch'ella si di tener conversazione. Don Alonso lo saprà.

Don Alonso - Per quello ch'io so, donna Eleonora è una dama ritiratissima, e in casa sua, a riserva di don Rodrigo, non vi capita alcuno.

Don Flaminio - Orsù, venite qui. Quanto vogliamo scommettere ch'io vado in casa sua e le faccio da cicisbeo?

Don Alonso - Scommetto cento luigi che non vi riesce di farlo.

Don Flaminio - Scommettiamo un orologio d'oro.

Don Alonso - Benissimo, io non mi ritiro.

Don Flaminio - Donna Virginia, siete voi contenta che io faccia questa prova e mi guadagni questo orologio?

Donna Virginia - Servitevi pure con libertà.

Don Flaminio - Già m'immagino che per quel tempo ch'io lascierò di servirvi, non mancherà chi saprà occupare il mio posto.

Donna Virginia - Di ciò non vi prendete pena. Ci penso io.

Don Flaminio - E voi, signora consorte, che cosa dite?

Donna Claudia - Dico che avete vinto senz'altro.

Don Flaminio - Vi pare ch'io sia un cavaliere manieroso, capace per abbattere a' primi colpi il cuor d'una donna?

Donna Claudia - Le donne di quella sorta si vincono facilmente.

Don Flaminio - La scommessa è fatta, per ora più non se ne parli. Andiamo a fare una passeggiata in giardino.

Donna Virginia - Andiamo pure.

Don Flaminio - Favorite la mano?

Donna Virginia - Eccomi.

Don Flaminio - Povera donna Virginia, come farete a star qualche giorno senza di me?

Donna Virginia - Credetemi che non mi ammalerò certamente.

Don Flaminio - Ah crudele! Voi vi prendete spasso di chi muore per voi.

Donna Virginia - Domani morirete per donna Eleonora, e un altro giorno tornerete a morire per me. (partono)

Don Alonso - Comandate ch'io abbia l'onore di servirvi?

Donna Claudia - Obbligatissima, andate a servire donna Eleonora.

Don Alonso - Ciò è impossibile. Ella sarà impegnata per vostro marito. (con ironia)

Donna Claudia - Eh andate, che vi sarà luogo anche per voi. Una frasca non ricusa nessuno. (parte)

Don Alonso - Ecco il vizio comune di quasi tutte le donne. Criticare le azioni altrui e non riflettere sulle proprie. Ecco il soggetto principale di quasi tutte le conversazioni: mormorare, dir male del prossimo, tagliare i panni addosso alla povera gente. So che donna Eleonora è una dama onesta, e sono obbligato a difendere l'onor suo, ancorché da lei non pretenda nemmeno di essere ringraziato. Servo donna Claudia più per impegno che per inclinazione. E se ella pretenderà da me più di quel che le si compete, prenderò il mio congedo. Gran pazzia è la nostra! Servir per diletto e soggettarsi alle ridicole stravaganze di una donna, per avere il grand'onore di essere nel numero de' cavalieri serventi! (parte)



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License