Carlo Goldoni
L'amante Cabala

PARTE PRIMA

SCENA QUARTA   Catina e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Catina e detto.

 

CAT.

Za che più no ghe xe (torna alla finestra)

Quella tarizadora temeraria,

Vôi tornar al balcon per chiappar aria.

 

Per altro son pur matta,

A starme a travaggiar;

Sul muso una zavatta

Piuttosto ghe vôi dar.

 

FILIB.

(Ecco già ritornata

La giovine garbata: eh, già non credo

Tutto il mal che di lei Lilla m’ha detto;

Il solito difetto

Delle femmine è questo: altro non fanno

Che dir quello che sanno e che non sanno.

Vuò tentar se con questa

Vi fosse da far bene; io già non cerco

Finezze, amplessi o vezzi,

O simili tesori immaginari.

Non mi curo d’amor, cerco denari).

 

CAT.

Se la me salta suso

Col so parlar roman,

Ghe voggio dar sul muso

Un pugno venezian.

 

FILIB.

(Io mi voglio introdur, ma per poterla

Maggiormente adescar, finger conviene

Un altro personaggio,

Cangiar nome, paese ed il linguaggio).

Servitor riverente alla patrona.

CAT.

Patron, la reverisso.

FILIB.

Ella no me cognosse.

CAT.

No seguro.

FILIB.

Gnanca se fusse scuro!

No la cognosse Toni,

Marzer de Marzaria

All’insegna del Gambaro da mar?

CAT.

Me par e no me par.

Seu forsi?...

FILIB.

Giusto quello...

CAT.

Che m’ha vendù quei merli?...

FILIB.

Giusto quello...

CAT.

Che me n’ha robà un brazzo?

FILIB.

No son quello.

CAT.

Donca no ve cognosso.

FILIB.

Mo via, no la se fazza dalla villa,

La me varda in la ciera:

Son amigo de casa, e so sior pare

Me voleva un gran ben quando el viveva.

Tonin, el me diseva,

Te voggio maridar; mi ghò una fia

Che ghà nome...

CAT.

Catina?

FILIB.

Sì, Catina,

Bona come una pasta,

Bella come una stella.

CAT.

Sior sì, sior sì, xe vero, e mi son quella.

FILIB.

Sempre d’allora in qua

In mente ho conservà

La memoria e ’l respetto

Per so sior pare, e per la fia l’affetto.

CAT.

Grazie alla so bontà; se la comanda

Vegnir de su, ghe xe mia siora mare;

La parlerà con ella, e se la vuol,

Effettuar se pol

La prudente intenzion de mio sior pare.

FILIB.

Ma no sarave meggio

Ch’ella vegnisse zoso? In do parole

S’aggiustaremo presto tra de nu;

Sta de negozi

I vuol esser trattadi a tu per tu.

CAT.

Che l’aspetta un pochetto:

Finzerò co mia mare

Che la ventola zo me sia cascada,

Onde co sta finzion vegnirò in strada. (entra)

FILIB.

Il principio va bene;

Se questa è figlia ricca,

Mi saprò approfittar de’ beni suoi;

Ma s’ella fosse poi

Povera di sostanze,

Farò presto svanir le sue speranze.

Oh, vien la vedovella:

Non vorrei s’incontrasse con quest’altra.

Eh, non mancan pretesti a mente scaltra.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License