Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO SECONDO

Scena Quattordicesima. Don Flaminio, Colombina e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Quattordicesima. Don Flaminio, Colombina e detta

 

Colombina - Illustrissima, il signor cavaliere del Zero.

Don Flaminio - A voi m'inchino, signora.

Donna Eleonora - Son vostra serva.

Don Flaminio - Finalmente la sorte mi ha concesso il sospirato onore di riverirvi.

Donna Eleonora - Fortuna invero da me non meritata. Favorite d'accomodarvi. (siedono, Colombina parte)

Don Flaminio - Voi siete più che mai vezzosa e brillante. Le vostre disavventure e quelle di vostro marito non vi hanno punto scemato il rubicondo del vostro volto.

Donna Eleonora - (Mi pare un poco troppo ardito con una dama, cui non ha più avuto l'occasion di trattare). (da sé)

Don Flaminio - Questo sarà un effetto della vostra virtù, che vi rende insensibile ai colpi della fortuna.

Donna Eleonora - Signor cavaliere, vi supplico a dirmi tutto quello che vi ha pregato comunicarmi mio marito, che è l'unico motivo per cui vi siete preso l'incomodo di favorirmi.

Don Flaminio - No, mia signora, non è solamente per questo ch'io son venuto ad importunarvi, ma vi si aggiunge il vivissimo desiderio d'assicurarvi ch'io vi stimo, vi venero e sospiro l'onore di potervi servire.

Donna Eleonora - Signore, io non mi aspettavo da voi un simile complimento. Favorite di grazia, come sta don Roberto?

Don Flaminio - Egli sta bene di salute, ed in suo nome molte cose avrei da rappresentarvi; ma la confusione in cui mi trovo, mi tronca il filo del divisato ragionamento.

Donna Eleonora - Se altro non vi sovviene, è inutile che perdiate qui il vostro tempo.

Don Flaminio - A poco a poco me n'andrò sovvenendo. Ecco una delle cose dall'amico a me confidate. La sua cara sposa, la sua diletta compagna, la pupilla degli occhi suoi, a me l'ha egli raccomandata. Mi ha incaricato d'assistervi, di soccorrervi, di non allontanarmi da voi.

Donna Eleonora - Mi sembra strano che don Roberto mi voglia appoggiare all'assistenza d'uno che non ho mai conosciuto, e che non ho mai veduto frequentar la mia casa.

Don Flaminio - Intendo: vi sarebbe più grato che tale incombenza l'avesse appoggiata a don Rodrigo, non è egli vero?

Donna Eleonora - Don Flaminio, voi mi offendete.

Don Flaminio - Perdonate uno scherzo. Sappiate ch'egli sarà quanto prima in .

Donna Eleonora - In Napoli? Come?

Don Flaminio - Mediante la mia assistenza.

Donna Eleonora - Sarà revocato il suo bando?

Don Flaminio - Sarà revocato, averà i suoi beni. Il mio nome può molto presso la Corte, e non vi è grazia chiesta da don Flaminio, che non sia velocemente ottenuta.

Donna Eleonora - Se è così, don Roberto averà a voi tutta l'obbligazione.

Don Flaminio - E donna Eleonora non mi sarà punto grata?

Donna Eleonora - Benedirò il vostro animo generoso.

Don Flaminio - Mi guarderete voi di buon occhio? (con tenerezza)

Colombina - Oh, signora padrona. Le dame arrivano in questo punto colla carrozza.

Donna Eleonora - Va tu a riceverle. Di' loro che perdonino, ch'io non ho servitore.

Colombina - Eh non temete, non mancheranno loro braccieri. (parte)

Don Flaminio - Quante cose ho ancora da dirvi intorno alla venuta di don Roberto! (È necessario condurre la cosa in buona maniera). (da sé)

Donna Eleonora - Ma voi mi tenete in una crudelissima pena.

Don Flaminio - E voi potete contribuir molto al di lui ritorno.

Donna Eleonora - Se non mi dite tutto, non so che fare.

Don Flaminio - Ne riparleremo. (Balestra mi ha posto in un grande impegno). (da sé)

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License