Carlo Goldoni
Il cavaliere e la dama

ATTO TERZO

Scena Settima. Donna Eleonora in abito vedovile, e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

Scena Settima. Donna Eleonora in abito vedovile, e dette

 

Donna Claudia - (Oh bella! ha messo il bruno). (a donna Virginia)

Donna Virginia - (Guardate come sta bene). (a donna Claudia)

Donna Claudia - (Spicca, spicca la biacca con quel nero).

Donna Eleonora - Scusatemi, o care amiche, se vi ho fatto un po' troppo rimaner sole.

Donna Claudia - In verità, non pare che siate stata punto travagliata. Siete bianca e rossa come una rosa.

Donna Eleonora - Eh, donna Claudia, io non mi curo far pompa d'una mestizia che potrebbe anche credersi simulata, né per autenticarla affetto la pallidezza. Il mio dolor l'ho nel cuore. Io lo sento, e non m'importa che lo creda chi non può darmi sollievo alcuno.

Donna Virginia - (Sentite? questa vi sta bene). (piano a donna Claudia)

Donna Claudia - (Se lo dico! è superba quanto Lucifero). (piano a donna Virginia)

Donna Virginia - Donna Eleonora, ora che siete vedova, che pensate di fare?

Donna Eleonora - In così brevi momenti non ho avuto comodo di pensare a me stessa.

Donna Virginia - Io vi consiglio a rimaritarvi.

Donna Claudia - Ed io vi consiglio a starvene vedova. Oh che bella cosa è la libertà! È vero che vi sono de' mariti indulgenti, che non vietano alla moglie far ciò che vuole, ma però di quando in quando vogliono farsi conoscere mariti, e qualche volta impediscono quello che averanno cento altre volte concesso.

Donna Virginia - In quanto a me, se restassi vedova, vorrei rimaritarmi in capo a tre giorni.

Donna Claudia - Voi lo dite per impegno: per altro non credo che lo diciate di cuore. Se avete un diavolo di cicisbei!

Donna Virginia - Maritata li posso avere, e vedova non potrei.

Donna Claudia - Ah sì! il marito serve di mantello.

Donna Eleonora - Non mi par che sia gran piacere dar motivo al mondo di mormorare.

Donna Claudia - Oh, in quanto al mondo, mormora con ragione e senza ragione, onde far bene o non far bene è l'istesso.

Donna Eleonora - In questo v'ingannate. Se il mondo mormora con giustizia, chi fa male ne sente pena; se mormora ingiustamente, chi è innocente si consola. So che di me ancora è stato mormorato non poco: pure non me ne sono afflitta, perché conosco non meritarlo.

Claudia - Che possono aver detto di voi? Quando hanno detto che siete innamorata di don Rodrigo, hanno finito.

Donna Eleonora - Don Rodrigo è un cavaliere d'onore.

Donna Claudia - E voi siete una dama onorata. Farete all'amore onoratamente, ed ora con un onorato matrimonio potrete dare al mondo una dozzina di onoratissimi bimbi.

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License