Carlo Goldoni
La dama prudente

ATTO SECONDO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Altra camera.

 

Colombina ed il paggio colle pere.

 

COL. Tutte voi le volete? Tutte voi?

PAGG. Via, eccone un paio anche per voi. (le due pere) Oh! Avete le mani gelose.

COL. Sì, gelose. (ridendo)

PAGG. Veramente questa dee essere una brutta parola. Tutti mi gridano, quando la dico.

COL. Se vi gridano, non la dite più.

PAGG. Se non volete che io la dica più, spiegatemi che cosa vuol dire.

COL. Oh sì, ora ve la spiego. (con ironia)

PAGG. Ed io la dirò, e aggiungerò che Colombina me l’ha insegnata.

COL. Siete un ragazzaccio, che non ha giudizio.

PAGG. Che cosa vuol dir geloso? Voglio saperlo.

COL. (Mi fa ridere). (da sé) Vuol dire uno che ha sospetto che sua moglie gli faccia le fusa torte. Avete capito?

PAGG. Che cosa vuol dire le fusa torte?

COL. Già me l’aspettava. Vuol dir, per metafora, dei complimenti.

PAGG. Ora ho capito.

COL. Queste cose non sono da voi. Siete ancora troppo giovinetto.

PAGG. Non mi paiono cose tanto diffcili; le ho imparate subito.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License