Carlo Goldoni
La dama prudente

ATTO SECONDO

SCENA DICIOTTESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DICIOTTESIMA

 

Il conte e detti.

 

CON. Servitore umilissimo di lor signore. (sostenuto; le dame lo salutano)

RODEG. Signor Conte, anche voi mi parete malinconico.

CON. Non ho ragione di essere molto allegro.

RODEG. Che vuol dire? Vi è accaduta qualche disgrazia?

CON. Oh no, signora. (guarda bruscamente il Marchese)

EMIL. Signor Conte, se posso servirvi, domani io parto.

CON. Servitore umilissimo.

EMIL. (Oh, vi sono dei contadini da noi, che rispondono con più civiltà). (da sé)

CON. (Qui bisogna dissimulare o partire). (da sé)

MAR. Se non parte il Conte, non partirò nemmen io. (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License