Carlo Goldoni
La dama prudente

ATTO TERZO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Il cameriere e dette.

 

CAM. Illustrissima, è qui la signora donna Eularia, per dar il buon viaggio alla signora donna Emilia.

EMIL. Mi fa troppo onore.

CAM. Ma prima questa dama desidera dir due parole da sola a sola con vossignoria illustrissima.

RODEG. Se mi date licenza, anderò a sentire che cosa vuole. (a donna Emilia)

EMIL. No, no, ricevetela qui. Io frattanto anderò a mettere insieme alcune mie coserelle, per esser pronta a partire. (parte)

RODEG. Accomodatevi come v’aggrada. Ditele ch’è padrona. (il Cameriere parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License