Carlo Goldoni
L'amante Cabala

PARTE PRIMA

SCENA SESTA   Filiberto solo, poi Catina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Filiberto solo, poi Catina

 

FILIB.

Cento doppie di Spagna

Son poche al mio bisogno;

Coltivare convien la vedovella,

Convien esser costante

Finché vien il restante.

Ma ecco qui la Veneziana: or via,

Tosto si cangi Filiberto in Toni,

Il marchese in mercante;

Così l’oltramontano

In un punto si cangi in Veneziano.

CAT.

La diga, mio patron,

M’ala forsi chiamà per testimonio?

FILIB.

Testimonio? De cossa?

CAT.

Dei so amori

Con quella forastiera.

FILIB.

Amori? Oh la s’inganna.

CAT.

Donca che grand’affari,

Che interessi ghaveu donca con ella?

FILIB.

Ghò venduo della roba de bottega,

Un abito de ganzo,

Un andriè de veludo, e altre cossette.

Onde la m’à pagà

Co ste doppie de Spagna che xe qua.

CAT.

Un abito de ganzo?

Un andriè de veludo?

Come diavolo fala a far ste spese?

Certo dal so paese

Intrade no ghe vien; da so mario

No l’à fatto sta grand’eredità.

Come donca tant’oro ala acquistà?

FILIB.

La sarà la so dota.

CAT.

Dota? Sì ben. La xe vegnua a Venezia

Con un strazzo d’andriè de tela indiana,

E la mostrava el cesto

Per non aver sottana.

FILIB.

So mario giera un omo

Però che guadagnava.

CAT.

Sì, ma tutto in tel ziogo el consumava.

FILIB.

Donca cossa vuol dir,

Che la xe così ricca?

CAT.

Mi nol so,

E po anca sel so, nol vôi saver.

La xe una vardabasso

Che sa far con maniera i fatti soi.

Quando viveva ancora so mario,

L’aveva l’amicizia

D’un certo sior tenente

Ricco, ma ricco... Orsù, no vôi dir gnente.

FILIB.

(Oh questa sì ch’è bella!

Ancor questa è prudente come quella).

CAT.

Se un pochetto alla longa

Culia vu pratichessi,

De che taggia la xe cognosceressi.

FILIB.

E a vardarla in tel viso...

CAT.

Oh oh, cossa credeu,

Che quel bianco e quel rosso

Sia color natural? Oh poveretto!

L’al ghà alto tre dea.

FILIB.

Cossa?

CAT.

El sbeletto.

E po la xe cattiva come el diavolo :

Ogni otto la scambia el servitor.

Un zorno col sartor

La s’à taccà a parole, e lu el ghà ditto:

Tasi, che ti è una brutta...

.

Zitto, zitto.

Lassémo andar custia, tendemo a nu.

Se la se contentasse...

CAT.

El barcariol

Ghe ne sa dir de belle; el me ne conta

Tante che fa paura. El dixe un zorno:

Sì ben, la mia parona fa la casta,

E pur gieri de notte...

FILIB.

Basta, basta.

 

CAT.

Quando vedo ste bronze coverte,

Propriamente me vien el mio mal.

Benedette ste ciere scoverte,

Benedetto quel muso genial!

Quel che varda continuo la terra,

Par che gh’abbia col cielo una guerra,

E ch’el sia so nemigo mortal.

 

FILIB.

Sì, sì, la ghà rason; donca per questo

El so viso genial za m’à piasesto.

Ma la me fazza grazia,

Cara siora Catina: ala acquistà

Da so sior pare bona eredità?

CAT.

Quattro mille ducati de contai

El m’à lassà per dota.

FILIB.

(Eh, sono assai).

Via, se la se contenta,

Fémose esecutori

Della paterna volontae: la man,

Se la vuol, mi ghe toco.

CAT.

Non abbiè tanta pressa, adasio un poco.

Alle vostre parole

No me voggio fidar. Voggio saver

Chi , dove che stè;

Vôi véder che negozio che ghavè.

FILIB.

(Quest’è l’imbroglio! A noi).

Sì, sì, la ghà rason; ma za ghò ditto

Che stago in Marzaria

All’insegna del Gambaro da mar.

La puol, quando ghe par,

In maschera vegnir,

Za che xe carneval,

A véder la bottega e el capital.

CAT.

Ben, acetto l’impegno.

FILIB.

(Ora sì che vi vuol arte ed ingegno!)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License