Carlo Goldoni
La diavolessa

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA   Camera in casa di don Poppone.   Don Poppone, poi Ghiandina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Camera in casa di don Poppone.

 

Don Poppone, poi Ghiandina

 

POPP.

Eh! ci mancava adesso

Questo novello imbroglio.

Alloggiar forestieri... e mi dispiace...

Non vorrei che sturbassero

L'operazion vicina

Del tesor che cavar deggio in cantina.

Dopo tant'anni e tanti

Alfin son arrivato

Un tesoro a trovar sicuro e certo;

E in casa mia, l'ho in casa mia scoperto.

Ma i forestier... Ghiandina.

GHI.

Signor, la mi comandi.

POPP.

Un amico di Roma,

Che disgustar non voglio,

Mi ha mandato un imbroglio.

Un conte e una contessa

Mi son raccomandati;

Alloggiar li ho invitati in casa mia:

Fate che tutto preparato sia.

GHI.

Caro signor padrone,

È ver che ricco siete;

Ma se così spendete allegramente,

Lo stato vostro ridurrassi al niente.

POPP.

Cosa importa? Domani

Piene le casse avrem d'argento e d'oro.

Ho scoperto un tesoro. (piano)

GHI.

Scoperto veramente,

O al solito trovato con la mente?

POPP.

Questa volta è sicuro.

L'ho trovato, Ghiandina.

GHI.

Dove? Si può saper?

POPP.

Zitto: in cantina.

GHI.

Che al solito non sia...

POPP.

La cosa è certa;

Ho fatto la scoperta

Per via di certi sogni;

E ho fatto l'esperienza sopra il suolo

Anche colla bacchetta di nocciuolo.

GHI.

Per me non me ne intendo.

L'oro vedere attendo,

E quando lo vedrò,

Che l'abbiate trovato io crederò.

POPP.

E quando lo vedrete

Escir dalla cantina

La padrona sarà... sarà Ghiandina.

GHI.

Se fosse ver!

POPP.

Verissimo:

Lo vedrete a momenti.

Ho imparato in un libro a far portenti.

Finor da più di un restai gabbato;

Ma or sono illuminato

Ed opero al sicuro,

E i tesori trovar posso all'oscuro.

GHI.

Voglia il ciel che sia vero; e poi, signore,

Un altro tesoretto

Di farvi ritrovare anch'io prometto.

POPP.

Dove? Come?

GHI.

Un tesoro

Voi troverete in me

D'onestà, di costanza, amore e .

 

Una donna che apprezza il decoro,

È un tesoro che pari non ha.

La bella onestà,

La mia fedeltà,

Potrà farvi felice e contento,

Che l'argento - col tempo sen va,

Ma l'amore - nel core - si sta. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License