Carlo Goldoni
La diavolessa

ATTO PRIMO

SCENA QUATTORDICESIMA   Don Poppone, poi Dorina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUATTORDICESIMA

 

Don Poppone, poi Dorina

 

POPP.

In fatti quest'è il solito

Di quei che voglion far certi mestieri,

Di spacciarsi per dame e cavalieri.

Ecco qui la contessa,

Che sola a me s'appressa.

Non mi spiace, per dir la verità;

Ma la deggio trattar con nobiltà.

DOR.

Il signor don Poppone

Perché ci priva della sua presenza?

POPP.

Faccio a lei riverenza. (fa vari inchini)

A lei chiedo perdono;

E servitor della contessa io sono.

DOR.

E la contessa a voi

Fa con rispetto i complimenti suoi. (s'inchina)

POPP.

(Com'è graziosa!) (guardandola)

DOR.

(Parmi innamorato).

POPP.

S'io fossi in altro stato,

S'io fossi un cavaliere come lei,

Forse mi esibirei...

DOR.

Con libertà.

Già intendo, e l'aggradisco.

POPP.

Oh gran bontà!

DOR.

Per dirvela, signore,

Io son venuta qui...

E mi trattiene un certo non so che...

Non posso dirlo.

POPP.

innamorata in me).

DOR.

(Allettarlo conviene il turlulù).

POPP.

(Qualche cosa scoprir voglio di più).

Di che paese è lei?

DOR.

Non ve lo dice

L'amico nella lettera?

POPP.

Da Roma

Dice che vien, ma non se sia roman.

DOR.

Io son... signor mio... palermitana.

POPP.

E il marito?

DOR.

Spagnuolo.

POPP.

E dove vanno,

Se è lecito il saperlo?

DOR.

Per il mondo

A conoscer la gente

Di merito, di mente,

Ch'io venero, ch'io stimo,

Fra' quali certo don Poppone è il primo.

POPP.

Grazie di tanto onor...

DOR.

Con sua licenza,

Ora ritorno subito.

(Vo a ritrovar Giannino,

E renderlo avvisato

Come ha da dir, se fosse ricercato). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License