Carlo Goldoni
L'amante Cabala

PARTE SECONDA

SCENA SECONDA   Catina e detto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Catina e detto.

 

CAT.

(Voggio véder se Toni me cognosse).

FILIB.

(Fingerò non conoscerla). Patrona,

Gh’è gnente in sta bottega

Da poderla servir?

CAT.

Cossa vendeu?

FILIB.

Qua gh’è un poco de tutto,

Gh’è panni, sede e tele,

Merli fini e cordele,

Drappi schietti e laorai,

Drappi d’oro, d’arzento e recamai.

Oe, putti, dove seu? (vengono due Garzoni)

Via, tiré zo quei drappi,

Lassé véder quei panni d’Inghilterra,

Quei ganzi, quei veludi,

Quelle stoffe de Franza,

Quel damasco all’usanza.

La se lassa servir; colle avventore

Mi no stiracchio, e fazzo quel che posso.

CAT.

(Per quel che vedo, el capital xe grosso).

No tiré zoso altro. Uh caro fio,

Questa qua no xe roba da par mio.

FILIB.

Mo perché? Cossa vorla? La domanda,

Che qua ghe xe de tutto.

CAT.

Ghò un cavezzo de merli

Fatti sul mio balon,

Che li ho taggiai in scondon de donna mare,

E se posso, li voggio barattare.

FILIB.

(Perché io non la conosca,

Una donna si fa da Pelestrina).

Cossa vorla in baratto?

CAT.

Una vestina

Vorria de mezza lana,

Perché ho d’andar a nozze

De mia cugnà, che stava a Pelestrina,

Che novizza se fa sotto Marina.

(Oh che gusto che ghò, nol me cognosse!)

FILIB.

Via, la me mostra i merli:

Chi sa! se poderemo,

Sto baratto faremo.

Questa è una cossa affin de poco prezzo.

CAT.

Mare de diana, m’ò scordà el cavezzo.

FILIB.

N’importa; se la vuol,

Ghe fiderò la mezza lana intanto;

Perché ò da render conto a un mio fradello,

La me lassarà in pegno un qualche anello.

CAT.

(Bravo! cussì me piase,

L’è un putto de giudizio; ma vôi véder

Anca sel xe fedel). Vu paron

Dei anei, dei manini,

Del cordon, dei recchini,

E tanto me piasè, che ve darave

Le mie verze, i fenocchi e le mie rave.

FILIB.

(Ed io tengo in pensiero

Che, se tu fingi, io voglio far da vero).

CAT.

(Eh nol casca, el sta sodo). Donna mare

Me vorrà maridare

Con paron Tranquillin. Gh’è bara Nane,

Gh’è Titta scoazzer che me vorria,

Ma se no trovo un’occasion più bella,

No me maridar: vôi star donzella.

FILIB.

(Animo, Filiberto,

Tentar convien di rosicar quest’osso).

CAT.

(Eh, nol me varda adosso!)

No vôi Pelestrinotti,

Perché ghe dise ognun che i xe dindiotti.

Ghò un’occasion a Chiozza,

Ma no vôi bazzilar co pescaori,

Perché col so pescare

Diese mesi dell’anno i dorme in mare.

E po cossa se magna?

Zucca, polenta, sùgoli e maggiotti,

Dell’acqua coll’aseo,

Anguelle o brùssoi su le bronze cotti.

FILIB.

(Oh come finge bene!

Ma finga pur, quell’oro

Mi par d’averlo in tasca).

CAT.

(Oh che putto dabben, certo nol casca!)

Per dirghela, ghò voggia

De tior un venezian,

Ma de quelli però che no me fazza

Saltar la renegà;

Vôi che ’l me tratta ben, che ’l me carezza;

Siben che son avezza

A manizar la vanga e zappar l’orto,

No voggio che nissun me varda storto.

 

Mi no vôi de quei che va

A criando: cappe oe;

Né de quei che cria: scoazze,

Né de quei che fa smeggiazze,

E che cria: caldi i zaletti;

Mi me piase i zovenetti

Tutti grazia e civiltà.

Voggio certo sodisfarme;

Un bel putto vôi trovarme.

E se in cao del primo mese

Nol me pol più far le spese,

Sfadigar no mancherà.

 

FILIB.

(Fingere mi conviene

D’esser uomo dabbene). Orsù, patrona,

Se no la vuol comprar, la fazza grazia

De levarme el desturbo.

CAT.

(Co rustego che ’l xe!) Cussì rogante

Parlè con una putta?

FILIB.

La perdona,

Mi non abbado a putte,

E son un botteghier

Che tende zorno e notte al so mistier.

No son de quei mercanti

Che consuma in le donne el capital;

No voggio andar de mal,

Perché chi vuol badar a questa e quella,

Presto impara a cantar la falilella.

CAT.

(Sempre più m’inamoro:

No se puol far de più; l’è un putto d’oro).

Se parlessi co mi,

No perderessi el tempo;

Mi ghò una dota tal,

Che a zonta a quel ch’avè, no starè mal.

FILIB.

Eh, la xe vegnua tardi;

Son promesso, la veda.

CAT.

promesso?

FILIB.

Patrona sì.

CAT.

Con chi?

FILIB.

Con una tal

Siora Catina... Oimè, no m’arrecordo

El so cognome.

CAT.

Con Catina Sbrighella?

FILIB.

Credo de sì.

CAT.

La xe mia cara amiga.

FILIB.

Oh che putta da ben! Oh che tocchetto!

Che grazia che la ghà!

Ghe zuro in verità,

No lasserave andar siora Catina,

Se credesse de tior una regina.

Ella ghà bezzi e roba, e se la fusse

Una povera fia,

Tanto el ben che ghe vôi, mi ghe vorria.

CAT.

(Oh siestu benedio!)

FILIB.

La m’à promesso

De vegnirme a trovar. Volesse ’l cielo

Che la vegnisse almanco sta mattina!

CAT.

Son qua, viscere mie, mi son Catina.

FILIB.

Oh cossa vedio mai! Vu Catina?

CAT.

caro, mi son quella.

Ho fatto sta finzion per descoverzer

El vostro sentimento:

Adesso stago col mio cuor contento.

FILIB.

In materia de fede

No se trova un par mio.

CAT.

Via donca, caro fio,

Stabilimo ste nozze.

FILIB.

(Or voglio darle

Un bel segno d’affetto). Orsù, sentì:

Vu avè provà el mio amor; l’avè trovà

Costante e pontual. Voggio anca mi

Sperimentar el vostro.

CAT.

In che maniera?

Tutto per vu faria;

In tel fuogo per vu me buttaria.

FILIB.

Ho da comprar una partia de panni,

Che me darà un vadagno

De siecento ducati; per comprarli

Me manca un po’ de bezzi.

Onde, se vu volessi

Darme un poco d’agiuto, poderessi.

CAT.

Ghe lo dirò a mia mare;

Vederemo se ella...

FILIB.

Eh, no gh’è tempo;

Se sta sera no fazzo sto negozio,

Doman xe perso tutto. Se volè

Agiutarme in sto ponto, vu podè.

CAT.

Se no ghò gnanca un bezzo!

FILIB.

Quei manini,

Quel cordon, quei recchini,

Saria giusto a proposito.

CAT.

Compatime, no fazzo sto sproposito.

FILIB.

Adesso me n’accorzo

Che ben che me volè; povero gramo,

Mi vegno zo alla bona,

E vu me minchionè.

CAT.

No, no, xe vero,

Ve vôi tutto el mio ben; ma certo, certo

Se mi me cavo storo,

Dalla desperazion subito muoro.

FILIB.

Eh, quando se vol ben,

No se varda ste cosse. Adesso vedo:

Disè quel che volè, più no ve credo.

CAT.

Mo via, caro Tonin.

FILIB.

Lassème star.

CAT.

Ti xe l’anema mia.

FILIB.

Tirève in .

CAT.

Estu in còlera?

FILIB.

Sì.

CAT.

Via, femo pase.

FILIB.

Oh questa, questa sì la me despiase.

 

Che bel ben che me volè!

Me disè:

«Ti xe el mio caro»;

E po quando

Ve domando

Una prova dell’amor,

Ghavè cuor

De dir de no?

Sì, lo so: una busiara.

 

CAT.

E no ghe xe remedio de giustarla?

FILIB.

Aggiustarla se puol,

Se me fe sto servizio.

CAT.

Tutto te voggio dar quel che ti vol.

Tiò, caro, sti manini... (Oimè che tremo

In tel cavarli).

FILIB.

Via demeli, presto.

CAT.

Te dago l’oro, e ti è paron del resto.

Varda, se te vôi ben,

Varda se ti è el mio caro Tonin bello.

FILIB.

(Guarda fin dove arriva il mio cervello)

Vederè, mio tesoro,

Se contenta sarè dell’amor mio.

Voggio sempre... (Che vedo?

Lilla già m’ha scoperto,

Adirata sen viene.

Misero me! Coraggio aver conviene).

CAT.

Disè, cossa vedeu?

FILIB.

Quella ch’è ,

Xe la vedua che sta vicina a vu.

Pol esser che la vegna

A comprar qualche drappo;

Ve prego in grazia mia,

Dissimulè, stè mascherada.

CAT.

Oh questa

La me despiase assae.

FILIB.

Via, Catina, soffrì per amor mio.

Sentève qua; tasè; vegnirà el zorno

Che poderè refarve;

Questo el tempo no xe de vendicarve.

CAT.

Oh che velen che provo! (simmaschera, e si ritira in fondo a sedere)

FILIB.

(In un gran laberinto ora mi trovo).

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License