Carlo Goldoni
La donna di garbo

ATTO TERZO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Brighella, poi Arlecchino

 

BRIGH. Basta, ch'el se reffa quanto ch'el vuol, che per mi no ghe credo più. No digo de no ziogar, perché el ziogar assae è da matti, e no ziogar gnente è da allocchi: ma cabale no ghe ne voggio più certo. Orsù, bisogna parecchiar el bisogno per st'Accademia. Oe, Arlecchin, Arlecchin digo, dov'estu?

ARL. Etu ti che me chiama?

BRIGH. Sì, son mi.

ARL. Ti è un bel aseno.

BRIGH. Perché son un asino?

ARL. Perché quando i galantomeni magna, no i se descomoda.

BRIGH. A st'ora ti magni?

ARL. Mi no so de ore. Me regolo col reloio del appetito.

BRIGH. Orsù, bisogna dar una man portar i taolini, le careghe; far quel che bisogna.

ARL. Mi, con to bona grazia, no vôi far gnente.

BRIGH. Perché no vustu far gnente?

ARL. Perché no ghe n'ho voia.

BRIGH. Eh, te la farò vegnir mi la voia. Anemo, digo, presto a laorar.

ARL. Brighella, abbi giudizio; no me perder el respetto.

BRIGH. La perdona, zentilomo, un'altra volta farò el mio dover. Trui, va 25.

ARL. A mi trui, va ? A mi? Sangue de mi. (mette mano al suo legno)

BRIGH. Olà, olà, le man a casa, che te pesto co fa el baccalà. (s'attaccano)

 

 

 





p. -
25 Espressione di beffa, di disprezzo; voce con cui si eccitano i cavallucci a marciare.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License