Carlo Goldoni
La donna di governo

[ATTO PRIMO]

SCENA QUINTA   FABRIZIO solo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

FABRIZIO solo.

 

FAB.

Temeraria... insolente... Non so cosa sia stato,

Che col baston non ti abbia il capo fracassato.

Della mia Valentina parlare in tal maniera?

Ma se fosse l'accusa?... Eh, non puote esser vera.

La povera ragazza già me l'avea predetto,

Che avrebbero contr'essa parlato per dispetto.

Se ostentano l'orgoglio dinanzi agli occhi miei

Queste ardite nipoti, cosa faran con lei?

Così meco si parla? Ci ho da essere ancor io.

Io voglio maritarmi: lo voglio a modo mio!

Sfacciata! impertinente! senz'ombra di giudizio;

Se mi perdi il rispetto, vedremo un precipizio.

(parla verso quella parte per dove è partita Giuseppina)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License