Carlo Goldoni
La donna di governo

ATTO TERZO

SCENA SESTA   FABRIZIO, GIUSEPPINA, DOROTEA, VALENTINA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

FABRIZIO, GIUSEPPINA, DOROTEA, VALENTINA.

 

FAB.

Dove diavolo siete?

GIU.

Siam qui, signore zio.

FAB.

Anche voi, mia signora? (a Dorotea, con sdegno)

DOR.

Certo, ci sono anch'io.

FAB.

Non potreste far grazia d'andarvene di qua?

DOR.

Che maniera incivile! che bella asinità!

FAB.

Oh cospetto del diavolo!

DOR.

Corpo di satanasso!

FAB.

Che ardir!

DOR.

Che petulanza!

VAL.

Cos'è questo fracasso? (con autorità)

State zitto, signore. (a Fabrizio)

FAB.

Codesta è un'insolenza.

VAL.

Io non vo' che si gridi.

FAB.

Ho da soffrir? pazienza.

GIU.

(Di una femmina scaltra tanto il poter prevale,

Che gli empiti raffrena d'un animo bestiale).

FAB.

Nipote, io vi cercava, alfin vi ho ritrovata.

Vengo a darvi la nuova che or or vi ho maritata.

Sarete alfin contenta di uscir da queste porte,

Ed il signor Pasquale sarà vostro consorte.

GIU.

Quel vecchio?

DOR.

Quel cadavere?

FAB.

Lo prenderà.

DOR.

Nol vuole.

FAB.

Sì, al corpo della luna.

DOR.

No, al cospetto del sole.

FAB.

Chi comanda?

VAL.

Signore, con sua buona licenza

Non si ha colle fanciulle da usar la prepotenza.

Ella vuol maritarsi come le pare e piace.

Un zio, s'è galantuomo, lo dee soffrire in pace.

Ella per maritarsi ha pronto un altro sposo.

FAB.

E chi è costui?

VAL.

Fulgenzio, ch'è in quelle stanze ascoso.

FAB.

Come!

GIU.

Così parlate?

DOR.

È questo il vostro impegno?

VAL.

Io credea di far bene.

DOR.

Meritereste un legno.

VAL.

Piano, signora mia, non mi parlate altera.

Ho fatto quel che ha fatto ella con Baldissera.

S'ella lo fe' per zelo, lo zelo a me si aspetta;

Se per astio lo fece, lo faccio per vendetta.

Ma io giustificata mi son col mio padrone;

Ella, se può, s'ingegni coll'arte e la ragione.

E se i disegni miei le son riusciti amari,

Col suo sublime ingegno a provocarmi impari.

GIU.

Perfida!

DOR.

Disgraziata!

FAB.

Fuori di quella stanza!

Fuori di quella casa! (verso la camera dov'è Fulgenzio)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License