Carlo Goldoni
La donna di governo

ATTO QUINTO

SCENA SECONDA   FULGENZIO e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

FULGENZIO e dette.

 

FUL.

Con licenza, signore.

So che il signor Fabrizio di casa è uscito fuore;

Onde di riverirvi presa ho la libertà,

Perché bramo d'un fatto saper la verità.

GIU.

Certo; lo zio pretende che in un ritiro io vada.

DOR.

Ma con un memoriale gli troncherem la strada.

FUL.

Non parlava di questo, perché lo so benissimo

Che a simile violenza lo schermo è facilissimo.

Desidero sapere come la cosa è andata,

Come fu la sorella da Ippolito sposata. (a Giuseppina)

GIU.

Rosina?

FUL.

Sì, signora.

DOR.

Sposata?

FUL.

Nol sapete?

DOR.

Non lo so, e non lo credo.

GIU.

Signor, v'ingannerete.

FUL.

Come poss'io ingannarmi, se il vecchio adesso adesso

In spezieria del Cavolo l'ha raccontato ei stesso?

E nominò il notaro che ha fatto l'istrumento,

E d'abiti e di gioje va a far provvedimento.

GIU.

Questa mi giunge nuova.

DOR.

Credo che voi sognate.

FUL.

Si ha da saper s'è vero.

DOR.

Rosa dov'è? Aspettate. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License