Carlo Goldoni
L'amante Cabala

PARTE TERZA

SCENA PRIMA   Strada.   Filiberto e Catina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

PARTE TERZA

 

SCENA PRIMA

 

Strada.

 

Filiberto e Catina

 

FILIB.

Cussì sarè contenta!

CAT.

Sì, sì, ma tremo ancora dalla rabbia.

No me posso quietar, se no me vendico

Con quella temeraria.

FILIB.

El più bel modo

Per vendicarse è questo.

Quando la saverà che vu sposa,

Creperà dal velen quella invidiosa.

CAT.

Corro donca a mostrarghe la scrittura.

FILIB.

No, no, fermeve un poco,

No xe gnancora tempo, e vu no

Gnancora mia muggier.

CAT.

Perché?

FILIB.

Ghe manca

Una solennità necessarissima,

Che ve sarà ben nota.

CAT.

Cossa ghe manca mai?

FILIB.

Manca la dota.

CAT.

Eh za, la se ghintende.

FILIB.

Altr’è che la s’intenda,

Altr’è che la ghe sia.

Questa, colonna mia,

Xe la prima fonzion che far dovemo;

Per el resto tra nu se giusteremo.

CAT.

Mo via, trovè el nodaro

Che ha da far el contratto;

Menémolo in t’un tratto

A casa de mia mare.

Alla presenza de do testimoni

Ella ve darà i bezzi; za savè,

L’è una donna suttila come l’oggio,

Sempre la ghà paura che i la bara.

FILIB.

(Quand’ho preso i denar, vado a Ferrara).

Ben, ben, la ghà rason;

Vago a tor el nodaro e adesso vegno.

(Io cercherò un nodar di bell’ingegno).

Aspettème pur qua.

CAT.

Mi no me parto,

Se stessi fin sta notte.

FILIB.

(Faccio in un giorno sol due belle botte). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License