Carlo Goldoni
Lo scozzese

ATTO TERZO

SCENA OTTAVA   Don Properzio e don Ridolfo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Don Properzio e don Ridolfo

 

PROP. Grand'affari ha sempre la mia signora! (a don Ridolfo)

RID. È una dama di qualità, di spirito e di buon core. Ha moltissime corrispondenze, ed è a portata di poter fare de' gran piaceri e de' gran benefizi.

PROP. Sì, ma consuma un tesoro in lettere.

RID. Impiega bene il danaro, se con questo si fa amare e stimare dalle persone beneficate.

PROP. Fa tanti piaceri, si prende tanti disturbi, e mai che nessuno le mandasse una guantiera di cioccolata, una dozzina di capponi, e cose simili.

RID. Questa poi è un'ingratitudine. Io so, che se ottenessi da lei qualche grazia, non mancherei alla debita riconoscenza.

PROP. Avete bisogno di qualche cosa?

RID. Dirò, signore; ho fatto un picciolo poema, lo vorrei dare alle stampe, e mi premerebbe dedicarlo ad un mecenate che non mi fosse ingrato; onde se la signora donna Giulia mi procurasse la protezione di qualcheduno...

PROP. Sì, raccomandatevi a lei, e non dubitate.

RID. Quando ella mi fa coraggio, mi azzarderò a supplicarla.

PROP. Avvertite poi non fare anche voi come fanno gli altri.

RID. Saprò il mio dovere.

PROP. E se ella mostrasse, per prudenza, di ricusar le vostre finezze, mandate a me quel che vorreste mandare a lei, che sarà ben accettato.

RID. Benissimo. Vuol sentire qualche stanza del mio poema?

PROP. Io non me n'intendo gran cosa.

RID. Eh! so ch'ella è di buon gusto, e poi è scritto in uno stile che non le dispiacerà.

PROP. Via, sentiamo. (Se dico di no, è capace di non mandar niente).

RID. Ecco, signore. L'argomento è sopra i deliqui.

PROP. Sopra i deliqui?

RID. Sì, signore, sopra gli svenimenti.

PROP. Che diavolo di argomento patetico!

RID. È una novità.

PROP. Lasciate vedere.

RID. Leggerò io, se comanda.

PROP. No, no, ho piacere di legger io.

RID. Si serva.

PROP. (Legge fra' denti, in maniera che non si sente altro che borbottare)

RID. (Legge in un modo che mi fa morire). (da sé)

PROP. (Come sopra)

RID. (Poveri versi!) Favorisca, che gli pare di quell'immagine della rosa languente?

PROP. Bellissima. (segue come sopra)

RID. Rimarchi que' due versi.

PROP. Li ho rimarcati.

RID.

«Apre il seno la rosa in sull'aurora:

Divien pallida, e sviene, e par che mora

(con enfasi)

PROP. Bravissimo. (segue a borbottar come sopra)

RID. (Io glielo strapperei dalle mani).

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License