Carlo Goldoni
La donna sola

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Donna Berenice sola.

 

BER.

Quand'era mio marito ancora fra' viventi

Volea ch'io praticassi le amiche e le parenti.

Ma sia costume usato, o mio speziale umore,

Non so d'avere avuta un'amica di core.

So che mi criticavano ogn'atto, ogni parola.

Non vuò praticar donne; vuò viver da me sola.

È ver, sarà difficile fissare in casa mia

Un numero costante di buona compagnia,

Perché questi signori si sogliono annoiare,

Se una donna per uno non han da vezzeggiare.

Ma darò lor tai spassi e tai divertimenti,

Che spero alle mie spese di renderli contenti.

Ho l'arte di conoscere d'ognun la inclinazione,

A ognun, secondo il genio, farò conversazione.

Studierò di far sempre quel che gli amici alletta,

Purch'io non sia con donne a conversar costretta.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License