Carlo Goldoni
La donna sola

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Filippino e detti.

 

FI.

Signori, la padrona siede alla tavoletta.

La loro compagnia con desiderio aspetta.

FIL.

Andiam.

CLA.

Non dirò nulla, per timor che le spiaccia

Della questione nostra.

FIL.

La dirò ad essa in faccia.

Non ho rossore a dirle che a femmina non credo

Un forse sospettoso, qualor di più non vedo.

Così, s'ella mi apprezza, mi mostra il volto umano;

Se finge, e non mi cura, non mi lusingo in vano. (parte)

CLA.

Ad una meta istessa sembra ch'amor ne porte;

Egli i suoi passi accelera, io vo di lui men forte.

Ma può inciampar chi corre; dura chi pian cammina.

E nella dubbia impresa vedrem chi l'indovina. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License