Carlo Goldoni
La donna sola

ATTO PRIMO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Filippino, poi Gamba.

 

FI.

Dunque la mia padrona ha stabilito adesso

Non voler più trattare con gente del suo sesso.

È ver che non è brutta, è ver che non è vecchia;

Ma quattro o cinque cani stan male ad un'orecchia.

GAM.

Oh Filippino!

FI.

Oh Gamba! tu pur giunto in città.

GAM.

Son qui col mio padrone.

FIL.

Il tuo padron che fa?

GAM.

È partito con Lucio, cogli altri amici uniti,

Di villa, poco dopo che voi foste partiti.

Oh se sentissi, amico, quel che colà si dice

Nelle conversazioni di donna Berenice!

Tal partenza improvvisa diede da dir sul sodo.

Interpretar le donne la vogliono a lor modo.

Chi dice: è innamorata; chi aggiunge: ed è gelosa.

Chi dice: non ha merito, per questo è invidiosa.

Chi crede che in campagna finiti abbia i danari,

E sola sia in Milano venuta a far lunari.

FI.

E in città, che ti credi abbian di lei parlato?

Dicono: s'è tornata, qualche gran caso è stato.

Chi dice: avrà perduto tutti i quattrini al gioco.

Chi dice: i villeggianti l'avran trattata poco.

Chi dice: or che il gran mondo sen sta in villeggiatura,

Venuta è alla cittade a far la sua figura.

GAM.

Si può saper la causa che la fe' ritornare?

FI.

Io credo di saperla, ma non vuò mormorare.

Don Claudio lo conosci, don Filiberto ancora.

GAM.

Sì, li conosco.

FI.

Ehi, senti. Son dietro alla signora:

Un col pettine in mano, l'altro colla guantiera.

Chi fa da parrucchiere, chi fa da cameriera.

Ma non vuò mormorare.

GAM.

Sei un ragazzo onesto.

FI.

Vien la padrona. Ehi, senti. Doman ti dirò il resto.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License