Carlo Goldoni
L'amante Cabala

PARTE TERZA

SCENA TERZA   Lilla e detta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Lilla e detta.

 

LILLA

Filiberto non vien; questa lentezza

Segno è di poco amor; rimproverarlo

Voglio allor che verrà... Ma qui Catina?

Che fo? Vado, o pur resto?

Il partir è viltade,

E periglio il restar. Con una pazza

Taccar lite non è mia convenienza;

Resterò dunque, ed userò prudenza.

 

CAT.

(La me varda sott’occhio).

 

LILLA

(Non voglio esser la prima a salutarla).

 

CAT.

(Vôi farghe un repeton per minchionarla).

M’umilio a vusustrissima.

 

LILLA

Serva sua divotissima.

(Se burla, io la derido).

 

CAT.

Me consolo con ella.

 

LILLA

Di che?

 

CAT.

Delle so nozze.

El ciel ghe piomba adosso

Una montagna de consolazion.

 

LILLA

Anco vussignoria

Precipiti nel mar dell’allegria.

 

CAT.

Eh, lassemo le burle.

In verità, da senno me consolo;

Auguro che la goda

Le so felicità sempre interrotte.

(Che ti possi crepar la prima notte).

 

LILLA

Ed io con tutto il core

Desidero che lei trovi uno sposo

Disinvolto, amoroso,

Con cui possa goder buone giornate.

(E che ti rompa il collo a bastonate).

 

CAT.

Grazie ai so boni auguri;

La sappia che si ben no ghò i so meriti,

Si ben che no son ricca, come ella,

Si ben che no son bella,

E che ’l viso no ghò tutto impiastrà,

Un strazzo de mario m’ò za trovà.

 

LILLA

(Temeraria mi sembra, anzi che pazza).

Me ne rallegro tanto.

M’immagino, signora,

Che questo suo marito

Sarà senz’altro un cavalier di vaglia.

(O piuttosto sarà qualche canaglia).

 

CAT.

Un cavalier a mi? Me maraveggio;

No son miga, patrona,

Dama co la xe ella (trui, va ).

L’è un de Marzaria,

Che ghà poca albasia,

Che titoli no vanta o nobiltae,

Ma che ghà delle doppie in quantitae.

 

LILLA

Perdoni, in grazia, la curiosità

Solita di noi donne: il di lei sposo

Come si chiama?

 

CAT.

Toni; el ghà bottega

De drappi in Marzaria

All’insegna del Gambaro da mar,

Dove apponto me par

D’averla vista gieri, se no fallo,

A comprar certo drappo.

 

LILLA

È vero, e meco

V’era il mio amante ancor.

 

CAT.

Come! El so amante?

(No ghe giera nissun fora che Toni.

Ghò paura...) La diga,

Se poderia saver come se chiama

Sto so novizzo?

 

LILLA

Volentieri : ha nome

Filiberto de’ Conti Roccaboni.

 

CAT.

(Respira, ànema mia, che no l’è Toni).

No xela una bottega ben fornia,

No gh’è del capital? Non oi trovà

Meggio d’una famosa nobiltà?

 

LILLA

Questa è una bella sorte,

Degna appunto di lei ch’è sì garbata.

Veramente è un prodigio

Un spiritopronto in verde etade.

Ma, per amor del cielo,

Guardi che non s’inganni;

Compatisca l’ardir, parlo per zelo.

 

CAT.

Ingannarme? perché?

 

LILLA

Potrebbe darsi

Che questo matrimonio andasse in nulla.

Mi dica in cortesia:

Della dello sposo è poi sicura?

 

CAT.

No gh’è da dubitar, ghò la scrittura;

E po l’è un venezian, se cognossemo:

Nol me pol trappolar; la varda ella

Che no la sia burlada,

Che no la sia dal forastier piantada.

 

LILLA

Eh, so con chi contratto;

Il mio futuro sposo

Non è capace di mancar di fede.

 

CAT.

El mio sì che se vede

Che ’l me ama de cuor.

Sala lezer?

 

LILLA

Un poco.

 

CAT.

La leza sta scrittura,

Fatta colle so man; ghe xe parole

Proprio che fa da pianzer. (Crepa, schioppa;

Che rabbia che la ghà!)

 

LILLA

(Cieli, che veggo!

Il carattere è questo

Di Filiberto).

 

CAT.

(La sborisce i occhi

Che la par una striga;

La parla, ma no so cossa la diga).

 

LILLA

sottoscritto: Toni Canareggio;

Ma il carattere è suo senza alcun fallo)

 

CAT.

Cossa vuol dir, patrona,

Èla fursi instizzada?

 

LILLA

(Vuò confrontarla colla mia scrittura.

La mano è la medesima,

E le parole ancor sono le stesse:

A Catina, mio ben, ho doné el cuor:

A Lilla, anima mia, donat’ho il core.

Zuro: giuro. Che giuri? ah traditore!)

 

CAT.

Cossa ghe xe salta, che la va in bestia?

 

LILLA

Amica, siam tradite.

 

CAT.

(Oh amica cara!) (ironica)

 

LILLA

Il vostro Toni ed il mio Filiberto

Son la stessa persona;

Questo impostor colle menzogne sue

C’inganna tutte due.

 

CAT.

Eh mia cara patrona,

Se la ghà caldo, la se fazza fresco.

Come fala a insuniarse cussì presto?

 

LILLA

Dunque non mi credete?

 

CAT.

Oh ghò credesto.

 

LILLA

Mirate: le scritture

Son tutte d’una mano.

 

CAT.

(Me despiase

Che no so lezer). La le daga qua.

La varda, la s’inganna:

Quell’o de Filiberto xe larghetto;

Ma quello del mio Toni el xe più stretto.

 

LILLA

La passione v’accieca;

Ma se non mi credete,

D’una tal cecità vi pentirete.

 

CAT.

(La me mette in suspetto). La me daga

Un qualche contrasegno: Filiberto

Èlo piccolo o grando?

Èlo magro, èlo grasso?

Pàrlelo venezian o pur foresto?

 

LILLA

State a sentir: il suo ritratto è questo.

 

Di statura è alquanto basso,

Ma di corpo alquanto grasso,

Tondo à il viso e delicato,

Di varole ricamato;

A imitar un personaggio,

E a cangiar vesti e linguaggio,

Uom più pronto non si .

 

 

CAT.

Sì, cospetto del diavolo,

Che ho paura che ’l sia... (Ma vèlo

Che ’l s’avanza bel bello).

La varda quel che vien...

 

LILLA

L’è appunto quello.

 

CAT.

Cossavémio da far?

 

LILLA

Venite meco;

Concerteremo il modo

Di scoprir il suo inganno, e vendicarci.

 

CAT.

Gnancora no la credo,

Ma me voggio chiarir. Oh, se xe vero,

Poveri i mi manini!

Poveri i mi recchini!

 

LILLA

Si, sì, siamo ingannate.

Povere le mie doppie, sono andate!

 

CAT.

 

 

} a due

In odio

el

mio sdegno

il

 

saverò;

 

LILLA

Cangiar

 

 

 

io saprò;

 

E contro l’indegno

Vendetta farò. (partono)

 

 

 

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License