Carlo Goldoni
La donna sola

ATTO QUARTO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Filippino e detti.

 

FI.

Viene don Filiberto.

BER.

Fallo aspettare un poco. (Filippino parte)

Non è ben che vi trovi per ora in questo loco. (a don Lucio)

LUC.

Perché?

BER.

Bella domanda! siete nemici ancora.

Quando gli avrò parlato, vi vederete allora.

Oggi l'impegno è mio di far tutti felici.

In casa mia vi voglio tutti fratelli e amici.

E d'essere tenuta da tutti io goderò

Per sorella amorosa.

LUC.

E per consorte?

BER.

No. (caricato fra la rabbia e lo scherzo)

Quegli altri nel giardino a ritrovar passate.

E quel ch'è stato, è stato; più non si parli; andate.

LUC.

Di non avervi in sposa il dispiacer sopporto.

Ma son chi son, né voglio che mi si faccia un torto. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License