Carlo Goldoni
Le donne di buon umore

ATTO PRIMO

SCENA QUARTA   Felicita e Mariuccia

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Felicita e Mariuccia

 

FELIC. Costanza è una giovane che ha del brio. Mi piace infinitamente. (resta sedendo)

MAR. Eccola servita della cioccolata.

FELIC. La prenderò volentieri. Non ho riposato la notte; ho bisogno di confortarmi lo stomaco. (va bevendo la cioccolata)

MAR. Perdoni, signora, come sta il signor Leonardo?

FELIC. Mio marito? (bevendo)

MAR.signora. Sta bene?

FELIC. Sta bene. Lo conoscete? (bevendo)

MAR.signora, lo conosco. È un pezzo che non viene da noi a giocare a naso. Glielo dica che venga da noi. È il più caro pazzo del mondo.

FELIC. (Resta sorpresa) Così parlate di mio marito? Avete con lui una gran confidenza!

MAR. Dico così per dire. È ella forse gelosa?

FELIC. Potrebbe darsi, che di qualche bel soggetto fossi gelosa. Ma di voi, no certamente.

MAR. Dice bene; di me no, perché si sa chi sono: per altro...

FELIC. Oh certo; lo vederessimo cascar morto. (con ironia)

MAR. Eh, ne sono cascati degli altri.

FELIC. Per voi? (con ammirazione ironica)

MAR. Per me. (seria)

FELIC. Sono cose che fanno crepar di ridere. (ridendo)

MAR. Non burli, perché se gli dicessi quello che mi ha detto il signor Leonardo...

FELIC. Vi avrà trattata da quella pazza che siete.

MAR. A me pazza?

FELIC. Insolente.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License