Carlo Goldoni
Le donne di buon umore

ATTO PRIMO

SCENA QUINTA   Costanza e dette

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Costanza e dette.

 

COST. Cosa c'è, Mariuccia?

MAR. Niente. (mostrandosi adirata)

FELIC. Ve lo dirò io.

MAR. Non ci è bisogno ch'ella faccia altre scene. (a Felicita)

FELIC. Mi ha detto che mio marito...

MAR. Mi stupisco di lei, che voglia fare pettegolezzi.

COST. Parlate con rispetto, vi dico prendete questa lettera, datela al servitore, e ditegli che la porti subito al caffè dell'Aquila, che la diano a chi va, e che non dicano chi l'ha mandata.

MAR.signora. (prende la lettera con sdegno)

COST. Cosa son questi grugni?

MAR. Niente, niente, signora. (Sì, per dispetto la voglio far disperare quella signora che mi ha detto pazza). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License