Carlo Goldoni
Le donne di buon umore

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Battistino e detti

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Battistino e detti.

 

BATT. Si può venire?

MAR. Venite. Ecco qui Cacasenno.

BATT. Oh! buon pro faccia a vossignoria. (vedendo Leonardo che mangia)

LEON. Ecco qui; hanno voluto favorirmi per forza.

BATT. (Mi fa venir l'acqua in bocca). Mi hanno detto che la mia Pasquina è venuta qui. È vero? (a Mariuccia)

MAR. Sì, ci è stata. Era in compagnia di sua madre, e sono andate a spasso colla mia padrona.

BATT. Saranno andate in Piazza a veder Pulcinella, e ci voglio andare ancor io.

MAR.andate, che vedrete il vostro ritratto.

BATT. Il mio ritratto?

MAR. Sì, se volete vedere un bel zanni, guardatevi nello specchio.

BATT. Eh! mi burla. (a Leonardo, con dispiacere)

LEON. Segno che vi vuol bene.

BATT. Davvero? (a Mariuccia, con allegria)

MAR. Sì certo; assaissimo.

BATT. Se mi voleste bene, dareste anche a me da far colazione.

MAR. Povero bambolino, mangiereste la pappa?

LEON. Amico, se volete favorire, siete padrone.

BATT. Se mi date licenza. (a Mariuccia)

MAR. Accomodatevi pure.

BATT. Per quel che vedo, ci abbiamo poco da divertirci.

LEON. La zuppa era buona; me ne ho mangiato una buona porzione.

MAR. Volete un po' di stufato?

BATT. Magari.

LEON. Io non dirò di no.

MAR. Subito ve lo porto. (Intanto spero che verrà la signora Felicita. Vuò far di tutto, perché s'ingelosisca di me). (da sé, e parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License