Carlo Goldoni
Le donne vendicate

ATTO PRIMO

SCENA DECIMA   Emilia e Livietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Emilia e Livietta

 

EMIL.

E sarà ver, cugina,

Che l'ingrato Volpino

Strapazzate le donne abbia in tal guisa?

LIV.

Doralice, Eleonora,

Con le quali sinora ho ragionato,

Me l'hanno raccontato,

E fra tant'altre cose che m'han dette,

Egli dice alle donne maledette.

EMIL.

Ma qual ragione ha mai

Di trattarci così?

LIV.

Certi bei spirti

Credono aver gran sale,

Quando san delle donne parlar male.

EMIL.

Facil cosa è dir mal.

LIV.

Se noi sapessimo

Scriver e questionar com'essi sanno,

Bene ci pagherian l'ingiuria e il danno.

EMIL.

Cugina, amai Volpino, io non lo nego,

Ma più non l'amerò.

LIV.

Vostra rivale

Io fui, ve lo confesso,

Ma son nemica di Volpino adesso.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License