Carlo Goldoni
La donna vendicativa

ATTO PRIMO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Corallina, poi Ottavio

 

COR. Florindo mi ha ingannata, Florindo mi ha tradita; ma se crede sposar Rosaura, s'inganna assolutamente. No, non l'averà, non l'averà, se credessi di dover io precipitarmi per tutto il tempo di mia vita.

OTT. Vi cerco, vi cerco, e non vi trovo mai.

COR. Son qui, signor padrone, sono a' suoi comandi.

OTT. La sapete la nuova?

COR. Che nuova, signore?

OTT. Ho maritato Rosaura.

COR. Quando?

OTT. Poco fa.

COR. Con chi?

OTT. Con un tale Florindo degli Aretusi.

COR. Signore, voi mi dite una cosa ch'io non la posso credere.

OTT. Egli stesso è venuto a domandarmela.

COR Non sarà così.

OTT. Come, non sarà così? Quando lo dico io, non mi si dice non sarà così.

COR. V'ha domandato la figlia?

OTT. Signora sì.

COR. Oh che briccone!

OTT. Perché briccone?

COR. Sentite, e maravigliate. Colui, sono quattro o cinque mesi che mi perseguita, che mi vien dietro per tutto; sapete che fa meco...

OTT. L'amore?

COR. Signor sì.

OTT. Briccone!

COR. Io l'ho sempre fuggito, l'ho sempre scacciato, e oggi si è introdotto sfacciatamente in casa per dirmi...

OTT. Che vi vuol bene?

COR. Signor sì.

OTT. Briccone!

COR. L'ho strapazzato, l'ho minacciato, e quando attendevate che vi portassi la cioccolata, ero dietro...

OTT. Strapazzandolo.

COR. Sì, signore.

OTT. Brava... e così?

COR. E così son partita con i rossori sul viso.

OTT. Vi ha detto qualche brutta parola?

COR. Oh, signor sì!

OTT. Oh, se lo avessi qui!

COR. Come mai è venuto quest'indegno a parlarvi della signora Rosaura?

OTT. Ora qui; son venuto... Me n'ero accorto io, che mi voleva parlar di voi; e il briccone ha voltato il discorso.

COR. E per iscusarsi, e per nascondersi, vi ha domandato la figliuola.

OTT. Corpo del diavolo! Se lo trovo!

COR. Se gliela date, è precipitata.

OTT. Dargliela, dargliela? Un maglio sulla testa.

COR. Se voleste maritarla, io avrei la buona occasione.

OTT. Con chi?

COR. Conoscete il signor Lelio Taglioni?

OTT. Sì, lo conosco: è un uomo troppo caldo, troppo collerico.

COR. In questo caso somiglierebbe voi.

OTT. Io non vado in collera senza ragione.

COR. E lo stesso farà anche lui.

OTT. Abbiamo taroccato insieme più di trenta volte.

COR. Fate a modo mio: dategliela a lui, che il partito è buono.

OTT. Ci ho le mie difficoltà.

COR. Orsù, questa volta avete da fare a modo mio, gliel'avete a dare. Lo dico io, ed è finita.

OTT. Ma se vi dico io...

COR. Già vi ho capito. Tutti i partiti anderanno a monte, perché se non si marita la figlia, non si marita il padre; ed io intanto perdo il tempo, perdo delle buone occasioni, ed il signor padrone se la passa ridendo.

OTT. Corallina, tu pensi male.

COR. Era quasi meglio che io ascoltassi il signor Florindo.

OTT. Parli da pazza; parli da bestia; mi vuoi far dire degli spropositi.

COR. Meno furie: o sposatemi, o me ne vado.

OTT. Eccoti la mano.

COR. Signor no; maritate prima la signora Rosaura.

OTT. Sì, la mariterò.

COR. Datela al signor Lelio.

OTT. Gliela darò.

COR. Gliela darete?

OTT. Sì, gliela darò.

COR. Vedo uno: aspettate un poco.

OTT. Chi è?

COR. Un servitore.

OTT. Che cosa vuole?

COR. Adesso lo saprò.

OTT. Voglio sentir ancor io.

COR. Oh, questa è bella! Chi son io? Una pettegola? Non vi fidate di me? Non posso parlar con nessuno? Sia maledetto.

OTT. (Costei mi fa ingoiare di gran bocconi amari; ma le voglio bene, e ho paura di disgustarla. Chi diavolo è colui? Or ora vado e parlo. Non posso più). (da sé)

COR. Via, eccomi qui. Venitemi dietro, per paura che non mi rubino.

OTT. Chi è colui?

COR. Il servitore del signor Lelio.

OTT. Che cosa vuole?

COR. Il suo padrone vorrebbe parlarvi.

OTT. Vorrà parlarmi per Rosaura.

COR. Sicuramente.

OTT. Ed io l'ho da dare così a dirittura a uno che mi piace poco?

COR. Non la volevate dare a Florindo?

OTT. Con quello non ci aveva antipatia.

COR. E con questo non ci avete genio, perché ve lo propongo io.

OTT. Non è vero, gliela darò.

COR. Se non gliela date!...

OTT. Cospetto!... gliela darò.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License