Carlo Goldoni
La donna vendicativa

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Arlecchino e Corallina

 

ARL. Chi cerca, trova; v'ho trovà anca vu.

COR. Che cosa vuoi?

ARL. El padron ve domanda. El smania, el sbuffa, el grida, el ve cerca per tutto; e ho senti a darve diese titoli un più bello dell'altro.

COR. Che vuol dire?

ARL. El diseva, per esempio: dov'èla quella desgraziada?

COR. A me?

ARL. Dov'èla quella maledetta?

COR. A me?

ARL. Dov'èla...

COR. Basta così: non voglio sentir altro.

ARL. Dov'èla quella pettegola?

COR. Basta così, ti dico.

ARL. Dov'èla...

COR. Vuoi tacere?

ARL. Dov'èla quella carogna?

COR. Eccola qui. (gli uno schiaffio)

ARL. L'è lu, che l'ha dito.

COR. Ed io rispondo a lui.

ARL. Ma la resposta l'ho avuda mi.

COR. Mando la risposta per chi mi fa l'ambasciata.

ARL. Dov'èla quella... (arrabbiato)

COR. Ehi! (minacciandolo)

ARL. No digo altro.

COR. E così, che vuole il padrone da me?

ARL. Domandeghelo a lu, che lo saverè.

COR. Non occorr'altro; ora anderò da lui. Arlecchino voglio che tu mi faccia un piacere.

ARL. Sì, per le finezze che vu me fe.

COR. Via, se ti ho dato uno schiaffio, ti farò una carezza. (lo tocca un pochetto sulla spalla) Poverino!

ARL. Ancora un pochettin.

COR. Via, non è altro. Povero Arlecchino!

ARL. Poveretto!

COR. Mi farai questo piacere?

ARL. Ve lo farò.

COR. Va subito a ritrovare il signor Florindo... Lo conosci il signor Florindo?

ARL. Lo cognosso.

COR. Bene, trovalo, e digli che venga qui subito, che la signora Rosaura gli vuol parlare.

ARL. Donca el servizio non l'è per vu; l'è per siora Rosaura.

COR. Tu lo fai a me, non lo fai a lei.

ARL. Via, lo farò a vu.

COR. Ma avverti bene: non dire che l'ordine te l'ho dato io; ma devi dire averlo avuto dalla signora Rosaura.

ARL. Volì che diga una busìa?

COR. È una bugia leggiera: non ti può far disonore.

ARL. Basta, m'inzegnerò. Ma anca mi voggio un servizio da vu.

COR. Che cosa vuoi?, Dimmelo.

ARL. Che me voggiè ben.

COR. Perché no?

ARL. Anzi perché de sì.

COR. Discorreremo.

ARL. Sentì. So che el ve vol ben anca lu, ma mi no m'importa; no una donna tanto piccola. Za del vostro ben ghe ne pol esser per tutti do.

COR. Ma io voglio amare un solo.

ARL. E quello sarò mi.

COR. E il padrone che cosa dirà?

ARL. L'è vecchio. Za se sa, che una donna che fa finezze a un vecchio, la lo fa per interesse. A lu le parole, e con mi i fatti.

COR. Bravo! Sei spiritoso.

ARL. No savì gnancora tutte le mie bravure.

COR. Le saprò un giorno.

ARL. E resterè stupida, e maraveggiada.

COR. Oh via, presto; va a fare quello che ti ho detto.

ARL. Vado subito... Ho da dir al sior Florindo...

COR. Che venga qui.

ARL. Che vu ghe volì parlar.

COR. No, che la signora Rosaura gli vuol parlare.

ARL. Ah sì, che siora Rosaura ghe vol parlar per parte vostra.

COR. Ma no, smemoriato; anzi non si ha da sapere che io l'ho detto.

ARL. Ho da dir, che vu no me l'avì dito.

COR. Non nominare la mia persona. Che pazienza!

ARL. Compatime; l'è l'amor che me fa confonder. Quando sarì mia muier, no m'averì da domandar le cosse più d'una volta.

COR. Via, portati bene.

ARL. Vederì cossa che sa far sto tocco de omo. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License