Carlo Goldoni
La donna vendicativa

ATTO SECONDO

SCENA UNDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Lelio ed il suddetto.

 

LEL. (Anche questa volta vo' far a modo di Corallina). (da sé)

OTT. (Eccolo qui). (da sé, verso Lelio)

LEL. (Quando lo vedo, mi bolle il sangue). (da sé)

OTT. Signor Lelio, vi riverisco.

LEL. Schiavo suo.

OTT. Amico, io ho per voi tutta la stima: parliamo da buoni amici.

LEL. Se mi foste amico, non mi trattereste così.

OTT. Che cosa vi ho fatto?

LEL. Una bricconata.

OTT. Bricconata? Bricconata? (masticando)

LEL. Siete in parola con me di darmi la vostra figlia; me lo fate dire espressamente da Corallina; e poi la volete dare ad un altro?

OTT. Vi dirò, amico...

LEL. Siete un mancator di parola.

OTT. Ah! (sospira e freme)

LEL. Sono azioni che meritano stilettate.

OTT. (Oh, se resisto è un prodigio). (da sé)

LEL. La signora Rosaura...

OTT. Via, Rosaura sarà vostra: ve lo prometto.

LEL. E poi mi tornerete a mancar di parola. Dagli uomini senza fede non si può sperare di meglio.

OTT. (Oh! mi pizzicano le mani). (da sé)

LEL. Se non foste più vecchio di me, vi metterei le mani addosso.

OTT. Le mani addosso?

LEL. Sì, vorrei che mi rendeste conto della mala azione.

OTT. (E non ho d'andar in collera?) (da sé)

LEL. (Costui è diventato un porco). (da sé)

OTT. Volete altro che Rosaura? Vi torno a dire, Rosaura è vostra.

LEL. Ma perché volevate voi darla al signor Florindo?

OTT. Perché... non sapevo che Corallina vi avesse detto quello che le ho detto io.

LEL. Vi confondete. Si vede che siete...

OTT. Che cosa sono?

LEL. Un farabutto.

OTT. Eh, giuro a Bacco. (mette mano sulla spada, fremendo) Chi si può tenere, si tenga.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License