Carlo Goldoni
La donna vendicativa

ATTO TERZO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Ottavio e detta.

 

OTT. Corallina, dov'è Rosaura?

COR. Io non lo so, signore.

OTT. Nella sua camera non c'è.

COR. Sarà nei camerini di sopra.

OTT. Andatela a chiamare.

COR. (Non vorrei ch'egli aprisse quella camera). (da sé) Signore... sarebbe meglio che vi andaste voi.

OTT. Perché io?

COR. Se avete a dirle qualche cosa, potete farlo lassù che nessuno senta. Voi avete la voce alta.

OTT. No, no, chiamatela e fatela venir giù.

COR. Io non vi vado volentieri. Sapete ch'ella non mi può vedere.

OTT. Chiamatela per parte mia. (un poco alto)

COR. In verità, non ci vado.

OTT. Ed io voglio che tu ci vada. (in collera)

COR. Che cosa è questo tu? Che cosa è questo voglio? Io sono stufa di queste scene.

OTT. Non vi comando poi una gran cosa. (placato)

COR. Anderò via di questa casa, e sarà finita.

OTT. Ecco qui: subito, anderò via!

COR. Ma se è vero. Non si può vivere più. Siete una bestia.

OTT. Io una bestia? (in collera)

COR. Eccolo , un basilisco. Oh! non voglio che un giorno o l'altro... no, no, non son sì buona.

OTT. Voi mi fareste dare al diavolo. (con meno collera)

COR. Non so che dire, mi par di servirvi con amore, con carità; ma non faccio niente.

OTT. Via, lasciamo andare. Rosaura verrà giù, quando il diavolo la porterà. Corallina, parliamo un poco di noi.

COR. Parleremo, signor padrone: andate a cercare la signora Rosaura.

OTT. Io vorrei si stabilissero le nostre nozze.

COR. (Ed io vorrei che se ne andasse. Il signor Lelio mi aspetta). (da sé)

OTT. Vedo che Rosaura non si mariterà per ora, ed io non voglio differire più oltre.

COR. (Fremo dalla rabbia) (da sé)

OTT. Che cosa mi rispondete?

COR. Parleremo con comodo. Sentite che cosa dice la signora Rosaura.

OTT. Io non ho bisogno di sentir lei. Voglio sentire che cosa dite voi.

COR. Domani vi darò la risposta.

OTT. La risposta la voglio adesso.

COR. Queste non sono cose da decidere così su due piedi. Bisogna un poco discorrere e pensare...

OTT. Via, con tutto il vostro comodo. Prendiamo due sedie, e parliamo quanto volete.

COR. (Che ti venga la rabbia). (da sé) In questo momento ho un affare che mi preme; non posso trattenermi.

OTT. Andate, e vi aspetterò.

COR. (Maledetto!) (da sé)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License