Carlo Goldoni
Le donne curiose

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Arlecchino e dette.

 

ARL. Presto. Andemo a tavola, che l'è qua el padron.

BEAT. Dove è stato sinora?

ARL. Oh bella! Al logo solito.

BEAT. Ma che cosa fanno in quel maladetto ridotto?

ARL. Domandeghelo a lu, che lo saverì.

BEAT. Vieni qui, senti. (ad Arlecchino)

ARL. Son qua.

BEAT. (Giuocano?) (piano ad Arlecchino)

ARL. Siora sì.

BEAT. (L'ho detto io). (da sé)

ROS. (Dimmi, si divertono con le donne?) (piano ad Arlecchino)

ARL. Siora sì.

ROS. (Ah, il cuore me l'ha detto). (da sé)

ELEON. Galantuomo. (ad Arlecchino)

ARL. Siora.

ELEON. (È vero che fanno il lapis philosophorum?) (piano)

ARL. Siora sì.

ELEON. (Eh, io lo so). (da sé)

COR. Dimmi, Arlecchino.

ARL. Cossa volì?

COR. (Lo cavano poi questo tesoro?) (piano ad Arlecchino)

ARL. Siora sì.

COR. (Dunque ho detto la verità). (da sé)

ARL. (A dir sempre de sì, se gusto a tutti). (da sé)

ELEON. Dite, Arlecchino. Mio marito l'avete veduto?

ARL. Siora sì.

ELEON. E ora è andato a casa?

ARL. Siora sì. (Sempre de sì, finché vivo). (da sé, e parte)

ELEON. Vado subito anch'io. Amiche, se saprò qualche altra cosa, verrò subito a confidarvela.

BEAT. Ma quella del lapis non è poi vera.

ELEON. Non è vera? Anzi verissima: dalla sarta vi era il fratello del garzone del muratore, e ha detto che il padrone di suo fratello è andato nel casino a fare dei fornelli, e poi hanno fatto una provvisione di tanti vetri; e ha detto il compare della sarta, che coi fornelli e coi vetri si fa il lapis philosophorum. E la sarta è una donna che se ne intende; e io, quando dico una cosa, non fallo mai. (parte)

COR. Credetemi, non sa quello che si dica. Coi fornelli si cucina anche da mangiare, e coi vetri si da bere. Lo zoppo mi ha detto che cavano una fossa, e ho sentito dire da tanti, che vicino a quella casa vi sia un tesoro, e senz'altro lo cavano; e io, quando parlo, parlo con fondamento, e dico sempre la verità. (parte)

BEAT. Io credo che non sappiano niente affatto.

ROS. Vogliono che sia tutto quello che si figurano.

BEAT. Mi par di vederli con le carte in mano.

ROS. Ed io son tanto certa che fanno all'amore, quanto son certa d'aver da morire. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License