Carlo Goldoni
Le donne curiose

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Leandro e detto.

 

LEAN. Servo, signor Pantalone.

PANT. Amicizia.

LEAN. Amicizia. (si abbracciano)

PANT. Questo xe el nostro saludo. No se fa altre cerimonie.

LEAN. Va benissimo. Tutti i complimenti sono caricature.

PANT. Sì ben; se usa dir per civiltà delle parole, senza pensar al significato, senza intender, co le se dise, quel che le voggia dir. Per esempio, servitor umilissimo vuol dir me dichiaro de esser so servitor; ma se ghe domandè un servizio che no ghe comoda, el ve dise de no; e po el sior umilissimo ve tratta e ve parla con un boccon de superbia, che fa atterrir. Patron reverito xe l'istesso. I del patron a uno che no i se degna de praticar.

LEAN. Signor Pantalone, un mio amico vorrebbe essere della nostra conversazione.

PANT. Xelo galantomo?

LEAN. Certamente.

PANT. A pian co sto certamente. Dei galantomeni de nome ghe ne xe assae, de fatti ghe ne xe manco. Che prove gh'aveu che el sia un galantomo?

LEAN. Io l'ho sempre veduto trattare con persone civili.

PANT. No basta. In tutte le conversazion civili, tutti no xe galantomeni, e col tempo i se descoverze.

LEAN. È nato bene.

PANT. No xe la nascita che fazza el galantomo, ma le bone azion.

LEAN. È uomo che spende generosamente.

PANT. Anca questa la xe una rason equivoca: bisogna véder se quel che el spende xe tutto soo.

LEAN. Io poi non so i di lui interessi.

PANT. Donca no ve podè impegnar che el sia galantomo.

LEAN. In questa maniera, signor Pantalone, avremo tutti in sospetto, e non praticheremo nessuno.

PANT. No, caro amigo, intendème ben. No digo che abbiemo da sospettar de tutti senza rason, e che no abbiemo da praticar se no quelli che conossemo galantomeni con rason; anzi avemo debito de onestà de creder tutti da ben, se no gh'avessimo prove in contrario. Quelli però che più che tanto no se cognosse, i se pratica con qualche riserva; no se ghe crede tutto, i se prova, i se esamina con delicatezza, e se col tempo e coll'esperienza se trova un galantomo da senno, se pol dir con costanza de aver trovà un bel tesoro.

LEAN. Io questo che vi propongo lo credo onoratissimo, ma non posso essere mallevadore per lui.

PANT. N'importa, lo proveremo: se el sarà oro el luserà.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License