Carlo Goldoni
Le donne curiose

ATTO TERZO

SCENA SESTA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Beatrice, Rosaura, Eleonora e Corallina

 

ELEON. Avete veduto?

BEAT. Avete sentito?

COR. In fatti, chi mi ha detto del tesoro, non ha fallato.

ROS. Come non ha fallato? Il tesoro dov'è?

COR. Ecco . (accenna la porta dove sono entrati gli uomini) Una buona tavola, allegra e di buon cuore, è il più bel tesoro del mondo.

ELEON. Povero mio marito! Si diverte, non fa alcun male.

BEAT. Mi pareva impossibile che Ottavio giocasse.

ROS. Florindo è un giovane savio e dabbene, ma mi ha rimproverata con troppa crudeltà.

COR. Vostro danno, signora, dovevate fidarvi di lui, e non mostrare tanta curiosità.

ROS. Me ne ha fatto venir volontà la signora madre.

BEAT. Io non l'ho fatto per curiosità, l'ho fatto per impegno.

ELEON. Anch'io per un puntiglio.

BEAT. E che sia la verità, andiamo a casa, che non vuò veder altro.

ELEON. Sì, andiamo, signora Beatrice, che non paia che vogliamo vedere i fatti degli altri.

ROS. Oh Dio! Chi sa se Florindo mi vorrà più bene! Vorrei vedere se mangia, o se sta malinconico.

BEAT. Via, via, basta così. (s'avvia per partire)

COR. Aspettate un momento, vedrò io se il signor Florindo mangia o non mangia. (va a spiare alla porta)

ELEON. Eh via, che non istà bene spiare alle porte.

BEAT. Andiamo, andiamo.

COR. Oh che bella tavola! Oh che bella cosa!

BEAT. In quanti sono? (torna indietro)

COR. (Guarda) In sei.

ELEON. Mangiano? (s'accosta)

COR. Diluviano.

ROS. Florindo mangia? (fa lo stesso)

COR. Discorre.

BEAT. Egli fa così. Mangia adagio, e parla sempre.

ELEON. E mio marito?

COR. Oh se vedeste!

ELEON. Che cosa?

COR. Che bel pasticcio!

ELEON. Come? (corre al buco della chiave)

BEAT. Pasticcio di che? (corre anch'essa per vedere)

ELEON. Via, signora, ci sono prima io. (guarda dal bucolino)

BEAT. Spicciatevi, voglio veder ancor io. (ad Eleonora)

ROS. (E poi diranno ch'io son curiosa!) (da sé)

ELEON. Oh bello!

BEAT. Lasciatemi vedere. (fa andar via Eleonora, e guarda)

COR. Questa fessura non la do a nessuno.

BEAT. Oh bella cosa! (guardando)

ROS. Ed io niente.

BEAT. Bevono.

ELEON. Chi? Voglio vedere.

ROS. Voglio veder ancor io.

BEAT. Venite qui. (a Rosaura, dandole luogo)

ROS. beve.

ELEON. E Lelio?

ROS. Taglia un pollo.

ELEON. Voglio vederlo. (tira via Rosaura con forza)

COR. Presto, presto, ritiriamoci. (si scosta)

ELEON. Perché?

COR. Arlecchino viene verso la porta.

BEAT. Che cosa fa Arlecchino?

COR. Serve in tavola.

BEAT. Voglio vederlo... (s'accosta all'uscio)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License