Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

ATTO PRIMO

 

 

 

SCENA PRIMA

 

Camera de siora Giulia.

 

Siora Giulia che laora de merli. Siora Tonina in zendà. Siora Orsetta che fila della bavella, e siora Chiaretta che fa bottoni.

 

TON. Cara siora Giulia, la compatissa se son vegnua a darghe incomodo.

GIU. Oh siora Tonina, cossa disela! La m’ha fatto una finezza a vegnirme a trovar. Gh’aveva tanta voggia de véderla.

TON. De diana! No la se degna mai de vegnirme a trovar.

GIU. Oh cara siora! se la savesse. No gh’ho el fià che sia mio. Sempre fazzo, sempre tambasco1, o intorno de mi, o intorno de mio mario; sempre ghe xe da far, no me fermo mai. No è vero, putte? Adesso ho tiolto suso el ballon2 per divertimento. Oh cara siora Tonina! Cento volte ho dito de vegnir da ela, e no ho mai podesto. No è vero, putte?

TON. La vegna da mi a véder a passar le mascare.

ORS. Oh, sì, cara sioràmia3, andemo.

CHIAR. Cara siora santola4, ghe vegnirò anca mi.

GIU. Lassè pur, che ghel dirò a mio mario.

TON. Siora Giulia, quando la fala novizza so siora nezza5?

GIU. Oh, ghe xe tempo.

ORS. (Oh, sì ben, ghe xe tempo). (da sé)

GIU. E po mi no son so mare; la vien a trovarme qualche volta; ghe voggio ben; ma in ste cosse no me n’impazzo.

CHIAR. E a mi, siora santola, me vorla ben?

GIU. No vusto, fia, che te voggia ben?

TON. Xela so fiozza6 quella bella putta?

CHIAR. A servirla.

GIU. La xe fia de una mia comare maridada fuora de Venezia. La me vien a trovar squasi ogni anno de carneval, e la sta con mi quindese, vinti zorni.

CHIAR. Stanno gnancora no semo andae in mascara.

ORS. No avemo visto gnanca una commedia.

GIU. No avè visto che tempi che xe stai sto carneval?

TON. Mi son stada una volta all’opera in compagnia de una, che no ho podesto far de manco; ma no ghe vago più.

GIU. Con chi xela stada, cara ela?

TON. Cognossela siora Lugrezia? Quella vedoa che sta squasi in fazza dove che stago mi.

GIU. Quella che xe stada muggier de quel spizier7 de confetti?

TON. sì, quella spuzzetta8.

GIU. Via, la cognosso.

TON. Che va in t’un boccon de aria...

GIU. Sì, sì, la cognosso...

TON. Co giera vivo so mario, no ghe giera sti sguazzi9.

GIU. La me lo diga a mi, che la cognosso dall’A fina al bus.10

TON. Ela la va a tutti i teatri. Tutte le prime recite le xe soe. Abiti, no se parla. Tabarazzi con tanto de bordo. Bautta11 de merlo. Cossazze, via, cossazze.

GIU. E po i dise: tasè; no disè mal; no mormorè. Mo bisogna parlar per forza. Come diavolo porla far sti sguazzi! Intrae12, ca de diana!13 no la ghe n’ha.

TON. La dise che la vadagna al lotto.

GIU. Oh, che te vegna cento carri de ben! Ghe vol altro che lotto! Eh siora Tonina, se podesse parlar!

TON. Cara siora, se la sa qualcossa, la me diga, la me fa servizio. Bisogna che la sappia che ghe pratica per casa anca mio mario.

GIU. Disela da senno? La pratica sior Todero?

TON. Siora sì, el ghe va. L’ho visto mi co sti occhi.

GIU. E ela la lo lassa andar, e no la dise gnente?

TON. Mi no credo che ghe sia mal de gnente.

GIU. Siora Tonina, me xela amiga?

TON. Oh, no vorla?

GIU. L’accetta el mio conseggio, no la lo lassa andar da culìa.14

TON. No? Mo per cossa?

GIU. Malignazo!15... No posso parlar... Putte, andè in pergolo16; vardè che tempo che xe.

ORS. Eh siora sì, andemo. (Oe! la ghe vol contar de siora Lugrezia). (a Chiaretta)

CHIAR. (Oe! la ne manda via, e a mi la m’ha contà tutto).

ORS. (Anca a mi la m’ha dito che ghe va sior barba17). (partono)

GIU. Sieu malignaze! Tante ghe n’ha volesto!

TON. Cara ela, la diga.

 

 

 





p. -
1 Opero.



2 Cuscino sul quale lavorano le donne.



3 Zia



4 Femmina di patrino.



5 Nipote.



6 Figlioccia.



7 Speziale.



8 Umoretto.



9 Abbondanza.



10 Dall’alfa all’omega.



11 Cendale nero, che cuopre il capo delle maschere veneziane.



12 Entrate.



13 Poter di Diana!



14 Colei.



15 Maledetto.



16 Poggiuolo.



17 Zio.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License