Carlo Goldoni
Le donne gelose

ATTO PRIMO

SCENA TERZA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Orsetta, Chiaretta e dette.

 

ORS. Oe, sioràmia, xe vegnù fora el sol.

CHIAR. Oh, che bel tempo d’andar in mascara!

GIU. Via, ancuo andaremo. Za che siora Tonina ne vol favorir, andaremo a darghe un pochetto de incomodo.

TON. Oh, cossa disela, siora Giulia? La me farà una finezza.

GIU. Vegniremo a favorirla24 tutte tre insieme.

TON. Siora Giulia, xe ora che ghe leva l’incomodo.

GIU. La vol andar via cussì presto?

TON. Siora sì, bisogna che vaga a trovar mia zermana25, che la xe in letto da parto.

GIU. Chi? SiorAndriana?

TON. Siora sì. La cognossela?

GIU. No vorla? Cossa ala fatto?

TON. Un puttelo.

GIU. Sì? Brava. Gh’ho a caro, sì da senno. La la reverissa tanto da parte mia.

TON. Porterò le so grazie. Patrona, siora Giulia.

GIU. Patrona, siora Tonina. La diga: chi ala abuo per compare?

TON. Un lustrissimo da de fora.

GIU. Caspita! la ghaverà buttà ben.

TON. Patrona, siora Orsetta.

ORS. Patrona, siora Tonina.

GIU. Oe, la diga, cossa ghalo donà el compare?

TON. Un bel da gnente niovo. Eh, no se usa più.

GIU. Sì ben, a la granda, a la granda; gnente.

TON. Patrona, siora Chiaretta.

CHIAR. Patrona, siora Tonina.

TON. Patrone, patrone.

A TRE Patrona, patrona.

TON. Patrone. (parte)

 

 

 





p. -
24 Errore della plebe veneziana, invece di dire a ricever le sue grazie.



25 Cugina.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License